Ultime3

Comunicato del presidio permanente dell’Esselunga

Dopo i licenziamenti¬† degli ultimi giorni, l’assemblea del presidio permanente di domenica 13 novembre, alla presenza degli operai in lotta e delle loro famiglie, di delegati provenienti da altre cooperative, e di tutti i gruppi che stanno costruendo questa campagna, ha fatto il punto della situazione e ha rilanciato su tutti i terreni di lavoro stabiliti.

1) Campagna di boicottaggio di Esselunga: Sono paritit i volantinaggi in diversi punti vendita di MIlano (Rubattino, Papiniano, Solari, Lagosta, Umbria) ed altrove (Como, Torino, Pavia, Pantigliate, Rho, Brescia, Firenze, Monza, Sesto S.G., Verona). Il numero di iniziative, e i risultati conseguiti, sono pi√Ļ che incoraggianti: sono coinvolte molte persone e i clienti si fermano interessati e per lo pi√Ļ solidali, consegnando a centinaia i coupons allegati al volantino come segno di protesta.
Si √® deciso quindi di estendere ulteriormente l’azione di boicottaggio e di produrre un manifesto cittadino che la accompagni. Entro fine settimana, completando il quadro delle iniziative svolte, si definiranno ulteriori passaggi condivisi da tutti.

2) Cassa di resistenza: Con le primissime iniziative di questi giorni si sono raccolti circa 1400‚ā¨. Un altro segnale che fa ben sperare su sviluppi ulteriori; segnaliamo con forza che non si tratta di mera assistenza a persone bisognose (e certamente i licenziati lo sono), ma di un impegno politico ben preciso, per tutti coloro che ritengono fondamentale costruire una possibilit√† di restenza concreta; e la resistenza dipende anche e soprattutto dai mezzi a disposizione per farlo.
Si invita quindi a concentrare gli sforzi e produrre iniziative finalizzati a raccogliere fondi.

3) Lo sciopero del 17 novembre: Lo sciopero di gioved√¨ 17 novembre, con presidio a partire dalle 21 di mercoled√¨, √® un passaggio decisivo di questa lotta che dura da ormai pi√Ļ di un mese, sia per far sentire agli operai che sono tutt’altro che soli, sia per permettere loro di estendere la mobilitazione all’interno dei magazzini anche ad altre cooperative e non solo all’interno del consorzio SAFRA. La mobilitazione per il 17 sta attraversando diverse cooperative organizzate sindacalmente col SI.Cobas, impegnate in battaglie specifiche (a Cortemaggiore e Brembio contro la CIG, a Piacenza per imporre una piattaforma rivendicativa, a Carpiano per il rispetto del CCNL, a Cerro con la causa per il reintegro di 17 operai licenziati un anno e mezzo fa e che potrebbe concludersi, proprio il 17, a Firenze).
Si fa quindi appello alla massima mobilitazione possibile di tutte le forze convintamente solidali con gli operai delle cooperative di Esselunga.

Delegati e operai di SAFRA in lotta – SI. Cobas Milano – Coordinamento di sostengo alle lotte nelle cooperative
Pioltello 14 novembre 2011