Cobas

[MILANO] Sicurezza aeroportuale… a Malpensa si specula sulle guardie Italpol

Sicurezza Aeroportuale…

a Malpensa si specula sulle guardie Italpol

La Sea Spa, dopo aver dichiarato a dicembre 2017 esuberi nel reparto Sicurezza e Vigilanza , con l’escamotage della procedura negoziata per la stipula di un accordo quadro per il servizio di supporto esterno ai servizi di sicurezza, sostituisce i propri dipendenti con quelli di Italpol.

Con questa manovra manageriale aumentano i profitti per Sea spa e dei proprietari di Italpol tagliando stipendi e diritti dei lavoratori.
A pagare il prezzo sono le guardie Italpol che si trovano a fare lo stesso lavoro delle guardie Sea ma con stipendi molto più bassi, orari indecenti, flessibilità obbligatoria.
Abbiamo denunciato agli organi competenti il mancato rispetto delle normative in termini di sicurezza e salute dei lavoratori e aspettiamo un intervento degli ispettori.
Denunciamo la continua cessione di attività allo scopo di favorire società esterne e chiediamo che l’attività di sicurezza e vigilanza venga fatta da dipendenti delgestore aeroportuale che ricordiamo opera in forza di concessione governativa edovrebbe essere controllata da Enac.
Negli ultimi giorni, alle già discriminate e malpagate guardie Italpol, è stato vietato l’utilizzo della saletta per le pause, unico luogo dove possono riposare e consumare eventualmente un pasto.
Riteniamo discriminatorio, ingiusto e non etico il comportamento di Sea Spa che gestisce direttamente le guardie Italpol senza garantirgli i diritti riconosciuti alle guardie Sea.
Le concessioni governative devono essere controllate e sorvegliate per evitare che manager, soci e padroni si arricchiscano a discapito dei lavoratori e della stessa sicurezza aeroportuale.
 
Malpensa, 05 settembre 2018

S.I. COBAS AEROPORTUALI

 
Mail: sicobasmalpensa@gmail.com