Approfondimenti politiciCampaniaCobasInternazionaleLogisticaMetalmeccanici

[FCA] Il giocattolo costoso degli Agnelli-Elkann non funziona ma a pagare sono sempre e comunque gli operai

IL GIOCATTOLO COSTOSO DEGLI AGNELLI-ELKANN NON FUNZIONA MA A PAGARE SONO SEMPRE E COMUNQUE GLI OPERAI!

Quando il S.I. Cobas alla Fca di Pomigliano e l’Usb alla Fca di Melfi proclamarono 8 ore di sciopero per la spesa scellerata fatta dalla Juventus per acquistare Cristiano Ronaldo pi√Ļ di qualcuno mosse critiche all’iniziativa.

Non fu facile per i rappresentanti sindacali che lanciarono lo sciopero spiegare le ragioni dell’iniziativa, non fu semplice far capire quanto fosse iniquo il trattamento (economico e non solo) riservato dalla societ√† agli operai Fca rispetto ai calciatori.

Ai primi si chiedevano sacrifici continui da anni ( costretti a lavorare pochi giorni al mese per una crisi di settore che in realtà nasconde una strategia aziendale mirata allo smantellamento degli stabilimenti italiani) e ai secondi contratti da centinaia di milioni di euro.

I sindacalisti furono attaccati da esperti di vario genere, le accuse erano motivate principalmente dal fatto che investire milioni di euro per un solo calciatore avrebbe portato benefici economici per tutti, anche per gli operai.

A distanza di quasi un anno i fatti hanno dato ragione agli scioperanti, infatti gli stabilimenti del gruppo FCA continuano a restare prevalentemente chiusi per crisi di mercato e la Juventus, con i suoi acquisti eccellenti, non ha portato alcun beneficio indiretto agli operai italiani.

Anzi, con l’eliminazione di ieri dalla Champions league della squadra bianconera anche il bilancio Juventus andr√† in rosso.

La proprietà di Juventus e Fca, che è la stessa, continua, volontariamente o meno, a fare disastri.

I giocatori milionari hanno sbagliato la partita, svolgendo male il loro lavoro, eppure la societ√† un istante dopo l’eliminazione ha fatto il giro dai giornalisti per confermare giocatori e allenatore, bene… siamo i primi a sostenere che √® sbagliato punire le persone che involontariamente commettono un errore sul proprio posto di lavoro, peccato che anche in questo caso il trattamento tra operai e calciatori √® diverso.

Quando un operaio commette un errore sulla propria postazione di lavoro viene pesantemente sanzionato, anche quando dimostra di essere stato accusato ingiustamente, e dopo due sanzioni viene licenziato in tronco, come √® successo a Giovanni Balzano (operaio alla Fca di Pomigliano) pochissimi giorni fa. 

Ancora una volta gli operai si sono dimostrati capaci di leggere gli avvenimenti meglio dei padroni, degli esperti di settore e di chiunque criticó lo sciopero fatto a Pomigliano e Melfi.

Avevano ragione gli operai ha sostenere che i soldi spesi per Ronaldo erano troppi e che se proprio bisognava investire in risorse umane era meglio puntare sulle fabbriche Fca, migliorando prodotti e vita lavorativa dei dipendenti.

Martedì 17 Aprile 2019

S.I. Cobas Fca Pomigliano e Usb Fca Melfi