CobasInternazionaleLogistica

[ITALIA] Il sistema Fincantieri: schiavismo, razzismo, mafia, tangenti ai dirigenti

Il sistema Fincantieri: schiavismo, razzismo, mafia, tangenti ai dirigenti

La coraggiosa denuncia di alcuni operai bengalesi e albanesi ha costretto la magistratura e la guardia di finanza di Venezia ad aprire un’inchiesta sulla Fincantieri di Marghera, e a scoprire quello che noi denunciamo da anni:

1) Schiavismo e supersfruttamento: operai e operaie pagati anche 3-4 euro l’ora; orari di lavoro di 10, 12, 14 ore al giorno; niente ferie, niente malattia, straordinari non pagati, poche misure di sicurezza sul lavoro.

2) Razzismo: la gran parte di questi operai e operaie sono immigrati da tutto il mondo, costretti ad accettare queste infami condizioni per ottenere o conservare il permesso di soggiorno, o sono immigrati dal Sud Italia per sfuggire alla disoccupazione. Fincantieri ne approfitta.

3) Mafia: diversi titolari delle ditte di appalto e sub-appalto appartengono a giri mafiosi, e sono mafiosi i metodi con cui vengono ricattati gli operai per costringerli ad accettare buste paga false, e a lavorare tanto e velocemente – per questo alcuni di loro assumono anche droghe.

4) Tangenti e corruzione – 12 tra i massimi dirigenti dello stabilimento e del gruppo (Quintano, De Marco, Reatti, Cardella, etc.) sono accusati di avere imposto ai padroni delle ditte di appalto e sub-appalto un sistema di tangenti in denaro (fino al 10% del valore delle commesse) e in regali (orologi con brillanti, smartphone, champagne, penne Montblanc, tablet).

La Fincantieri, a cominciare dal superboss Bono, fa finta di niente.

Con i mezzi finanziari che ha, √® sicura di insabbiare l’inchiesta. Intanto, tutti gli accusati restano ai loro posti.

Fim e Uilm, pi√Ļ servili che mai, restano mute.

La Fiom chiede a Fincantieri di rispettare gli “accordi di legalit√†” che per Bono&Co. sono solo carta straccia – la cosa non serve a nulla.

√ą grave, per√≤, anche il silenzio e la passivit√† degli operai italiani dipendenti diretti di Fincantieri.

Se credono di difendere in questo modo la propria condizione, si sbagliano di grosso.

Certo, qualcuno diventer√† capo-reparto, ma un passo dopo l’altro super-sfruttamento e metodi mafiosi toccheranno anche a loro!

Una sola è la via da battere: organizzarsi, auto-organizzarsi, lottare uniti contro questo sistema, operai degli appalti e operai Fincantieri, prendendo esempio dalle lotte dei facchini e dei driver immigrati e italiani della logistica, organizzati intorno al SI Cobas e altri sindacati di base, che con il loro coraggio e i loro scioperi hanno migliorato molto la loro condizione.

26 novembre 2019

Comitato di sostegno ai lavoratori Fincantieri

Piazzale Radaelli 3, Maghera – comitatopermanente@gmail.com