AlimentaristiApprofondimenti politiciCobasEmilia Romagna

[ITALIA] La Cgil impone il modello Italpizza nel Ccnl: il Multiservizi nelle industrie alimentari è legge

LA CGIL IMPONE IL MODELLO ITALPIZZA NEL CCNL

Il Multiservizi nelle industrie alimentari è legge

E così si chiude il cerchio: CGIL-CISL-UIL hanno inserito nel rinnovo del CCNL Alimentare la possibilità di utilizzare all’interno delle industrie alimentari altri contratti (cioè il Multiservizi), con una riduzione dei salari del 40%.

Come lo hanno fatto?

Cancellando dall’articolo che disciplina gli appalti una riga di testo, questa: “al rispetto delle norme contrattuali confederali del settore merceologico cui appartengono le aziende appaltatrici stesse”.

Fin dall’inizio della vertenza Italpizza avevamo detto che la posta in gioco era quella di impedire la diffusione del CCNL Multiservizi nei reparti di produzione: oggi quel rischio è diventato legge.

Per far passare questo rinnovo la CGIL ha addirittura indetto uno sciopero, inducendo gli operai a lottare per abbattere i loro stessi salari.

Vergogna si aggiunge a vergogna.

È chiaro adesso perché tanto accanimento contro il S.I. Cobas, in particolare sulla vertenza Italpizza?

Invitiamo tutte le organizzazioni sindacali e politiche, gli operai e i delegati combattivi, senza distinzione di sigla, a dare battaglia per impedire questa manovra e per l’abolizione del contratto Multiservizi.

S.I. Cobas Modena