Approfondimenti politiciCampaniaCobas

[ITALIA] Contro l’attacco al Reddito di Cittadinanza. Salario garantito per i disoccupati. Salario minimo per i lavoratori

Contro l’attacco al Reddito di Cittadinanza

Salario garantito per disoccupati/e!

Salario minimo per i lavoratori e lavoratrici!

L’escalation bellica e l’aumento dei conflitti militari tra potenze capitalistiche e scontri inter-imperialistici comporta sempre di più l’economia di guerra negli stessi paesi capitalistici. Costi sociali che ricadono su di noi con il carovita, l’inflazione, la disoccupazione, il lavoro sfruttato e sottopagato oltre che le conseguenze nefaste dal punto di vista ecologico, ambientale e sulle condizioni di vita.

Da anni e soprattutto negli ultimi mesi assistiamo alla violenza dell’attacco, politico, ideologico e materiale contro il meccanismo del cosiddetto Reddito di Cittadinanza.

La caccia del “furbetto del divano” ci ha accompagnato per tutta l’estate fino ad oggi mentre a pioggia continuavano i sostegni e le defiscalizzazioni alle imprese in cerca di manodopera a basso costo.

I soldi per queste regalie insieme alle spese militari verranno trovati anche tramite la cancellazione totale del Reddito di Cittadinanza per tutti i percettori a partire dal 2024.

A partire da subito (Gennaio 2023) sarà ridotto l’assegno per i percettori ritenuti “idonei al lavoro” da 12 a 7 mesi, con la possibilitá di perdita del reddito, in caso di rifiuto anche della prima offerta di lavoro, o di mancata frequenza dei corsi di formazione che i Centri per l’impiego “dovrebbero” organizzare.

Ti offrono un lavoro mal pagato o mai svolto a centinaia di km da casa? O accetti, o perdi il reddito o ti butti dalla finestra!

Sei un giovane tra i 18 e 29 anni e non hai completato l’obbligo scolastico? Non puoi avere accesso al Reddito (il problema non è la dispersione scolastica ma criminalizzare le classi popolari)

E perché non dare direttamente ai proprietari di casa la parte del contributo all’affitto che era prevista nel Reddito di Cittadinanza?

Dietro la retorica dell’interessa nazionale prosegue la guerra contro i proletari e gli sfruttati a cui far pagare la loro crisi e la loro guerra.

L’obiettivo dei padroni è avere una larga massa di sfruttati ricattabili da inserire ed espellere dal mercato di lavoro a seconda delle stagionalità, degli andamenti del mercato, delle lotte sindacali che si possono sviluppare in alcuni settori ecc…quindi rendere ricattabile una platea di almeno 860.000 proletari, costretti senza il reddito ad accettare salari sempre piú bassi, anche piú bassi di quella miseria che si prendeva tramite il reddito.

A questo servivano le lamentele estive di albergatori, operatori del turismo, proprietari di bar e ristoranti (ossia le principali roccaforti dell’evasione fiscale e contributiva del lavoro nero e sotto pagato), ma anche di grandi gruppi industriali, hanno invaso per mesi Tv e giornali.

Insomma anche un ammortizzatore sociale insufficiente e limitato come l’RdC (certo non una misura rivoluzionaria ma che al Sud era riuscito a porre un freno ai salari di merda) non trova quindi piú spazio nei programmi di padroni e borghesia, interessati a eliminare qualsiasi ostacolo nella costruzione di un meccanismo di rastrellamento sempre piú efficace della manodopera, di aumento della concorrenza tra diversi segmenti della forza – lavoro (italiani e stranieri, giovani e anziani, dipendenti diretti e in appalto, occupati e disoccupati, ecc…) e dunque, in definitiva, di abbassamento del livello generale dei salari.

Per questo la difesa del Reddito di Cittadinanza non può che avvenire con il coinvolgimento piú largo dei lavoratori e delle loro organizzazioni sindacali e politiche di classe.

Lo sfruttamento del lavoro da parte del capitale, passa anche attraverso la costituzione di un esercito di riserva disoccupato o semi-disoccupato che deve fare pressione sugli occupati perché siano più produttivi ancora di quel che già sono.

Noi dobbiamo puntare alla ricomposizione della classe lavoratrice attraverso la difesa e l’organizzazione di quella parte della classe che è stata e sarà gettata nella disoccupazione, intorno alla parola d’ordine del salario garantito.

Per noi questa rivendicazione si accompagna in modo strettissimo alla rivendicazione del “diritto al lavoro che sia utile alla società” per tutti/e e per lavorare tutti ma meno coinvolgendo alla partecipazione diretta di tutti/e alla produzione sociale ed alla lotta per la riduzione drastica e generalizzata dell’orario giornaliero di lavoro, per il lavoro socialmente necessario, cioè per il solo lavoro utile ad una esistenza sociale sana.

In questo senso ci impegneremo (come da sempre) a sostenere la campagna a difesa del Reddito di Cittadinanza, partendo da SUD, impegnando le nostre sedi, aprendo sportelli e organizzando ulteriori iniziative di lotta dentro una mobilitazione più generale.

Faremo vivere le rivendicazioni e prospettive generali proseguendo la nostra lotta vertenziale che conduciamo quotidianamente.

Da subito, durante il prossimo Consiglio Comunale, in vista di mobilitazioni di carattere generale e nazionali, scenderemo nuovamente in piazza a Napoli invitando tutti e tutte a partecipare!

Movimento di Lotta – Disoccupati “7 Novembre”