Commercio

COMUNICATO SINDACALE: PROSEGUE LA TENACE LOTTA DELLE 12 LAVORATRICI DELL’HOLIDAY INN EXPRESS DI BOLOGNA FIERA.

Per il nono giorno consecutivo, anche oggi, le lavoratrici addette alle pulizie dell’Hotel Holiday Inn Express di Via del Commercio Associato – Bologna, hanno inscenato la loro protesta davanti a quello che, fino al 30 novembre, era il loro posto di lavoro e che con la lotta dovrà tornare ad esserlo.

Leggi tutto...

Zara, oggi non comprare!

Siamo i lavoratori della ex Globo VS, siamo 640 in tutta Italia, e da anni teniamo puliti i negozi Zara e vi scarichiamo i vestiti che voi acquistate.
Oggi scioperiamo perché non siamo pagati da 3, chi da ben 5 mesi, e vi chiediamo di non acquistare i vestiti Zara per dimostrare la vostra solidarietà e fare pressione su Zara perché ci dia quello che ci spetta per il nostro lavoro.

Questa la nostra storia:
Zara fa parte del gruppo spagnolo Inditex, che controlla oltre 100 società con 120 mila dipendenti e ha 6mila 104 negozi in 86 paesi in tutti i continenti. Il suo padrone, Amancio Ortega, è diventato il terzo uomo più ricco del mondo. Questa ricchezza, come per tutte le multinazionali, è il frutto di profitti accumulati con lo sfruttamento di decine di migliaia di operai sottopagati in tutto il mondo. In Brasile, Argentina e Messico Zara è stata denunciata per sfruttamento del lavoro anche minorile in condizioni di semi-schiavitù, in Bangladesh era tra i committenti della fabbrica di Rana Plaza che ha sepolto oltre 1.100 operai.

Nei vestiti di Zara c’è anche il nostro sudore. Zara non ci ha assunto direttamente come i commessi del negozio, per dividerci e sfruttarci meglio con il sistema degli appalti. Per anni abbiamo lavorato anche 12 ore al giorno per bassi salari senza tredicesima, quattordicesima, ferie, e ci impedivano anche di andare in malattia quando malati. Poi da giugno o luglio non ci hanno più pagato, e Globo VS ha fatto fallimento. Il suo padrone è stato arrestato.

Zara ci ha chiesto di continuare a lavorare, promettendoci che ci avrebbe pagato il 20 settembre. Abbiamo continuato a lavorare, ora sotto la “101 Servizi srl”, ma non siamo stati pagati. Qualcuno di noi ha perso la casa.

Per questo scioperiamo per avere pagato il nostro lavoro e per far rispettare da oggi in poi i nostri diritti.

Dacci una mano, non comprare vestiti Zara fino a quando non sarà dato ciò che spetta ai lavoratori Zara!

Milano 15-11-2013 - Sindacato Intercategoriale Cobas

E' grande battaglia in Esselunga!

“Tutti uniti, tutti uniti!!!” Questo è l'urlo dei lavoratori delle cooperative operanti nella sede Esselunga di Pioltello il 7 ottobre, durante il secondo giorno di sciopero davanti ai cancelli.

Anni di minacce, discriminazioni, maltrattamenti da parte dei “guardiani” dei lavoratori delle varie cooperative, hanno tentato di annullarne la loro dignità, costringendoli a carichi estremi di lavoro (240 colli in un'ora fino a 25 kg. di peso). La brutalità nei confronti dei lavoratori raggiunge livelli molto alti con improvvisi allontanamenti dal posto di lavoro; con i capetti che dopo aver scelto i lavoratori dei turni della giornata direttamente sul posto di lavoro, li impiegano anche per i doppi turni, invece di distribuirlo tra gli altri lavoratori che vengono invece rimandati a casa.

La politica adottata da Caprotti & C.(le cooperative al suo servizio) del licenziamento illegittimo di chi si ribella alla violenza psicologica e fisica che vige in azienda, non è più tollerabile.

C'è un accanimento, da parte del consorzio delle cooperative che sono presenti nei magazzini di Pioltello, nei confronti dei rappresentanti sindacali con il tentativo di arrivare al loro licenziamento perchè ritenuti i "capi" della lotta, in quanto oserebbero difendere i diritti dei lavoratori.

Ciò che tutti rivendicano con grande determinazione è: la riassunzione del lavoratore Woryonwon Ezekiel dipendente della cooperativa Apollo, licenziato arbitrariamente, l'applicazione del contratto nazionale, e corretti rapporti tra capi e lavoratori stessi. L'istituzione dell'indennità sostitutiva mensa di 5,29 euro giornaliere. Il rispetto dell'orario come normato dal CCNL, in quanto vengono applicate misure di flessibilità, in cui è sempre il datore di lavoro a determinare l'orario di lavoro, a scapito dei lavoratori. La restituzione dei soldi risultanti dal 730 in 3 rate.

Tutti uniti, perchè uniti si è più forti! Uniti nella lotta per la conquista dei diritti, espressione di dignità e di rabbia, per reagire contro l'arroganza, l'avidità, lo sfruttamento da parte dei padroni.

Sia i lavoratori dei supermercati, che i lavoratori tutti in generale debbono essere solidali con questa lotta che altri lavoratori, soprattutto immigrati, stanno portando avanti nei magazzini dell'Esselunga, perchè da questa unità hanno tutto da guadagnare.

È necessario sentire questa lotta, come la lotta di tutti i lavoratori contro sfruttamento e salari da fame

È NECESSARIO AGGREGARSI TUTTI A QUESTA LOTTA CON DECISA CONVINZIONE!      Volantino Esselunga 12 ottobre

Esselunga, diritti corti

Nel calderone di chi si ostina a trattare i lavoratori anch'essi come merce, non si può certo dire che non ne faccia parte anche Esselunga. Se poi si tratta di lavoratrici o lavoratori scomodi... Persino nell'applicazione delle norme contrattuali ci si arroga di applicare le proprie “leggi” piuttosto che quelle del diritto. È di ieri la nuova affermazione legale anche in Corte d'Appello di Milano(dopo che anche il giudice in primo grado aveva espresso verdetto positivo), nei confronti della delegata sindacale SI Cobas del punto vendita di Viale Umbria – Milano che ha visto riconfermato il suo reintegro sul posto di lavoro, dopo che Esselunga, alla fine del secondo periodo di tempo determinato, decise che la stessa doveva essere lasciata a casa, probabilmente perchè ritenuta lavoratrice che cominciava ad essere d'intralcio rispetto ai tipici rigidi diktat aziendali. E adesso, visto che in danaro proprio non difettano, attendiamo il prossimo sfizio che vorranno togliersi con il ricorso in Cassazione.

Intanto però, non vedere quanto succede di negativo per un po' tutti i lavoratori Esselunga significa essere orbi. E, come SI Cobas, abbiamo deciso di non mettere i paraocchi così come avviene per e con tutti i sindacati, tutti troppo schierati dalla parte dell'azienda. Aprire subito gli occhi su:

? La situazione pesantemente negativa in cui versano i salari delle lavoratrici Esselunga;

? Le aperture domenicali;

? Il grande disagio per le turnistiche applicate alle part-time;

Per vedere di cominciare a portare a soluzione le molte problematiche, non esistono molte alternative! C'è un'unica cosa da fare, cioè contrastare tutte queste condizioni

che stanno andando a peggiorare sempre più le condizioni di tutti, con l'unico “farmaco” o antidoto oggi esistente che è la lotta. Non è difficile intendere come i risultati

saranno a portata di mano, quanti/e più saranno i lavoratori che aderiranno a questo percorso. Ovviamente non ci tireremo indietro se dovessero pervenirci dai dipendenti Esselunga richieste di assemblee per unire quanti più lavoratori possibile dei vari punti vendita, oggi tutti divisi e facili bersagli delle gerarchie aziendali.

corrispondi con noi con Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.      tel. 02.4966.1440 (tutti i lunedì sera)     Milano, 30 novembre 2010   Appello Esselunga

Cassa di Resistenza

  • Sostieni le lotte - Diffondi la solidarietà

E' a partire dal 2008 che nell'intero settore della logistica si è sviluppato e radicato un ampio movimento di lotte autorganizzate che ha coinvolto centinaia di lavoratori e lavoratrici dei principali siti distribuiti sul territorio nazionale. 

Read More

Eventi

Marzo 2017
D L M M G V S
26 27 28 1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31 1
30/01/2017 - Dichiarazione di Aldo Milani

30/01/2017 - Dichiarazione di Aldo Milani

233 sec. Visite: 2881
Data: 30 01 2017
Youtube
27/01/2017 - Aldo libero! Conferenza stampa [Gino]

27/01/2017 - Aldo libero! Conferenza stampa [Gino]

324 sec. Visite: 2793
Data: 27 01 2017
Youtube
27/01/2017 - Aldo Libero! Conferenza stampa avvocato

27/01/2017 - Aldo Libero! Conferenza stampa avvocato

131 sec. Visite: 2402
Data: 27 01 2017
Youtube
27/01/2017 - Aldo Libero! Presidio carcere Modena 2

27/01/2017 - Aldo Libero! Presidio carcere Modena

161 sec. Visite: 1366
Data: 27 01 2017
Youtube