Internazionale

Gli attivisti operai della Cina, vanno oltre la linea

lotte operaie in cina

Di Tom Mitchell e Demetri Sevastopulo

Cresce in Cina il numero delle proteste operaie, anche in settori dove in precedenza non c'erano mai state, perché, a causa di tendenze demografiche che stanno creando carenze di mano d'opera, soprattutto qualificata, e tecniche (internet, smartphone ... tramite i social media i lavoratori sono in grado di confrontare più facilmente le condizioni contrattuali e di mobilitare altri lavoratori a sostegno degli scioperi),

 

l'equilibrio di forze si sposta lentamente a favore dei lavoratori. Le lotte, divenute più violente e determinate, sono spesso causate da ristrutturazioni, fusioni o acquisizioni. Si registrano episodi di sequestri di padroni da parte dei dipendenti.
Proteste di fabbrica per regione, in %

 

schemacina

Fonte: China Labour Bulletin, indagine su 470 scioperi di fabbrica tra il giugno 2011 e il dicembre 2013

 

Il governo cinese cerca ora di mediare per far ottenere salari e condizioni richieste dai lavoratori per non far inasprire le proteste, con il conseguente ritiro degli investimenti che si riflettono sugli introiti fiscali locali. Tradizionalmente le lotte vengono spesso represse con la minaccia del carcere fino a 5 anni, sotto imputazione di aver "turbato l'ordine sociale".

Un lavoratore appartenente ad una Ong che aveva assistito i dipendenti di Yue Yuen nel loro sciopero, è stato il primo attivista cinese accusato di aver usato internet per turbare l'ordine sociale, in base ad una legge di recente aggiornata all'uopo. Durante lo sciopero i lavoratori hanno creato diversi gruppi di messaggi istantanei QQ per condividere le informazioni e coordinare la lotta.

Le multinazionali, accolte con deferenza che al loro arrivo in Cina, ora devono fare i conti con la determinazione dei lavoratori che non più disposti a piegarsi facilmente.

 

Richieste degli scioperanti, in %
( da leggere in senso anti-orario) condizioni di lavoro; pratiche dei dirigenti; straordinari; previdenza sociale; aumenti salariali; arretrati; risarcimenti

schemacina2

 

7 marzo 2014: oltre 1000 lavoratori di uno stabilimento IBM a Shenzen, Sud Cina, sono scesi in sciopero chiedendo un risarcimento prima che la fabbrica fosse trasferita al produttore cinese di PC Lenovo, a cui IBM ha venduto per $2,3 MD le attività di server di fascia bassa. Lenovo ha promesso di mantenerli alle stesse condizioni.

I lavoratori, come nella maggior parte degli scioperi in Cina, non hanno abbandonato la fabbrica per non rischiare di essere arrestati per turbativa di ordine pubblico; hanno agito in modo indipendente dal C.d.F. ACFTU, ed hanno eletto 20 loro rappresentanti, poi licenziati da IBM.

 

Sempre a marzo, provincia dello Yunan, è stato chiuso un supermercato Walmart: dei 135 dipendenti la metà ha accettato le condizioni, mentre 70 lavoratori sono scesi in sciopero per strappare migliori condizioni di fine rapporto; la polizia ha incarcerato per una settimana senza alcuna imputazione alcuni scioperanti. La direzione ha rifiutato la richiesta di negoziati collettivi e vuole trattare solo individualmente.
I 70 licenziati continuano a riunirsi quotidianamente cercando di controllarne la chiusura, in attesa di un'udienza arbitrale entro il mese. Walmart usava le 30 uscite di sicurezza per entrare e uscire dal magazzino.
La protesta presso Walmart fa emergere il cambiamento che sta avvenendo nel mercato del lavoro cinese, cambiamento che ha importanti riflessi per le multinazionali che producono o fanno produrre in Cina.

 

Le proteste operaie vengono spesso soffocate anche dall'unico sindacato giallo riconosciuto ufficialmente, All China Federation of Trade Unions (ACFTU).
Ci sarebbero però segnali di dissenso all'interno di ACFTU. La lotta di Walmart ad es. è diretta da un salariato capo del C.d.F. ACFTU, Huang Xingguo, fatto che rappresenta una pietra miliare nella storia del movimento operaio in Cina e che ha preoccupato le autorità locali. Huang, 42 anni, è un leader carismatico. Se Walmart cede, il caso farà scuola e saranno costretti a riconoscere maggiori indennizzi per le future chiusure di magazzini.

 

Huang e i suoi compagni non sono però riusciti ad avere l'appoggio del ACFTU municipale, e neppure della federazione a livello provinciale o nazionale. E non possono collegarsi con altri sindacati di Walmart, che ha almeno 400 grandi magazzini in Cina, tutti con sindacati, ma ogni sindacato dipende dal governo locale. Le amministrazioni locali, soprattutto nei centri di esportazione della provincia meridionale del Guandong, temono che gli aumenti a due cifre annuali dei salari spingano i produttori a spostarsi in altre regioni o paesi; vogliono trovare il modo per rispondere meglio alle rivendicazioni e gli scioperi.

 

ACFTU è strutturata verticalmente (come il PCC a cui è sottomessa) e non incoraggia collegamenti orizzontali tra organizzazioni di base;
anzi i tentativi di collegamento rischiano di scatenare una dura reazione del governo. Una dichiarazione di appoggio pervenuta da un sindacato americano ha allarmato i funzionari locali che hanno avvertito i lavoratori di non politicizzare la questione.
ACFTU mantiene una stretta divisione tra gli attivisti di base e i burocrati. Ad es. Huang, eletto democraticamente dai compagni non ha nessuna speranza di salire i ranghi di ACFTU.
Leggi nazionali stabiliscono i livelli pensionistici e di
altre prestazioni, linee guida dei governi locali consento ai gruppi di operare in una zona grigia.
Ad aprile hanno scioperato per il pagamento dei contributi previdenziali circa 40 000 salariati del gruppo calzaturiero di Taiwan, Yu Yuen, che produce per le grandi firme internazionali (Adidas, Nike, Asics, etc.); lo sciopero sarebbe costato almeno $58mn.

 

Quando la situazione si è fatta calda il governo e i funzionari ACFTU hanno dichiarato che la società non aveva pagato quanto doveva e hanno consentito ai lavoratori di eleggere rappresentanti per negoziare, ma hanno anche costretto i lavoratori ad accettare un compromesso avversato da molti e usato la polizia per rispedirli alle catene di montaggio.

 

Conflitti tra polizia e lavoratori
Numero di casi per mese, genn-2012-dic. 2013;

In arancio: interventi della polizia; in rosso incidenti con arresti

cinaarresti

 

L'anno scorso i lavoratori della provincia dello Shandong prendendo il controllo della fabbrica hanno bloccato quella che sarebbe stata la maggior acquisizione ($2,5 MD) di un gruppo indiano del gruppo americano Cooper Tire, che produce penumatici e gomma. Lo sciopero è costato almeno $70mn.

Dal 2011, anno con il maggior numero di popolazione attiva, questa è calata di 5,9 mn.; Le fabbriche faticano a trovare lavoratori qualificati, e a controllarli.

- Benché il salario minimo stia aumentando con tassi a due cifre, non tiene il passo con l'aumento del costo della vita.

Sciopero, la Cina si ferma: paralisi dei grandi marchi

sciopero in cinaMigliaia di operai della Yue Yuen, una delle più grandi fabbriche della Cina, che produce scarpe per Nike, Crocs, Adidas, Reebok, Asics, New Balance, Puma, Timberland, sono in sciopero a Dongguan. I manifestanti sono in lotta per le condizioni di lavoro precarie e per la mancanza di previdenza sociale

Marocco. Lotta di classe e repressione

marocco-arresto

Lo scorso 6 aprile si è svolta a Casablanca una manifestazione indetta dai principali sindacati del paese. Circa 150.000 persone hanno contestato le scelte politiche del governo, in un paese dove la crisi morde le vite della gran parte della gente.

 

Casablanca è tradizionalmente il cuore delle lotte dei lavoratori, in un paese dove i "diritti" sindacali sono più leggeri della carta dove sono scritti. Chi si iscrive al sindacato, partecipa a lotte e scioperi, rischia di essere licenziato.

Lo stesso diritto di espressione svanisce di fronte a qualche slogan di troppo nei confronti di re Mohamed VI, che, al di là della patina innovatrice, mantiene un controllo ferreo sul paese.
Il 6 aprile, al termine della manifestazione, nonostante non vi fossero stati scontri, la polizia ha fermato 15 manifestanti, per gli slogan del settore più radicale del corteo. Nel mirino della polizia soprattutto quelli diretti contro la monarchia e il capitalismo.

 

Ad otto di 15 fermati il tribunale ha confermato ieri gli arresti.
La durezza degli apparati repressivi, anche extralegali, emerge anche dalle morti "sospette" di due attivisti. Uno morto in carcere, l'altro trovato per strada, dopo aver ricevuto minacce durissime, nel caso avesse continuato a partecipare alle lotte.

Ne abbiamo parlato con Ahmed, un torinese di origine marocchina, che in queste settimane è in visita alla sua famiglia ed ha partecipato alla manifestazione del 6 aprile.

 

Ascolta la diretta: INTERVISTA A AHMED SU RADIO BLACKOUT

15 MILA SPAZZINI IN SCIOPERO DURANTE IL CARNEVALE

Rio de Janeiro: 

Dopo aver respinto l’accordo tra i sindacati e il comune di Rio de Janeiro, che concedeva un aumento di salario del 9%, gli spazzini sono scesi in sciopero durante il carnevale, dal 3 all’8 marzo.

Nella città piena di turisti, rotolavano milioni di lattine di birra, scorrevano fiumi di piscia e correvano eserciti di topi.

Nonostante le minacce di licenziamenti del sindaco, lo sciopero è proseguito fino a ottenere: forti aumenti salariali (da un salario base di circa 850 real a 1.100 real); i buoni pasto passano da 12 a 20 real; aumento dell’indennità di pericolo del 40%.

A Rio, la popolazione ha manifestato solidarietà per gli spazzini, portando al braccio una fascia arancione, colore della loro divisa.

Il successo dello sciopero è già un esempio per gli spazzini di Niterói, città vicina a Rio.

 

Cassa di Resistenza

  • Sostieni le lotte - Diffondi la solidarietà

E' a partire dal 2008 che nell'intero settore della logistica si è sviluppato e radicato un ampio movimento di lotte autorganizzate che ha coinvolto centinaia di lavoratori e lavoratrici dei principali siti distribuiti sul territorio nazionale. 

Read More

Eventi

Marzo 2017
D L M M G V S
26 27 28 1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31 1
16/03/2017 - Alcar Uno: manganellate, calci e pugni sui lavoratori in picchetto

16/03/2017 - Alcar Uno: manganellate, calci e

446 sec. Visite: 256
Data: 16 03 2017
Youtube
10/02/2017 - Nuove cariche sugli operai in lotta all’Alcar Uno (gruppo Levoni)

10/02/2017 - Nuove cariche sugli operai in

2880 sec. Visite: 247
Data: 10 02 2017
Youtube
02/04/2017 - Modena: una grande giornata di lotta!

02/04/2017 - Modena: una grande giornata di

182 sec. Visite: 323
Data: 05 02 2017
Youtube
04/02/2017 - Intervento lavoratore Alcar Uno (Levoni)

04/02/2017 - Intervento lavoratore Alcar Uno (Levoni)

78 sec. Visite: 195
Data: 05 02 2017
Youtube