Internazionale

Sans papiers a Torino

Importante incontro con una delegazione dei sans papiers francesi, come forse già sapete la loro lotta si pone all'avanguardia delle lotte in Europa degli immigrati per la regolarizzazione.
Accogliamo la lotta dei Sans Papiers, perchè sia da esempio e sprono anche in Italia per rivendicare la regolarizzazione generalizzata di tutti gli immigrati.
Sabato 26 giugno h 10,00

presso sala quartiere

C.  Ferrucci, 65 a - Torino

ore 16-18 spazio interviste alla delegazione presso sede di "collegamenti,lotta e solidarietà" v. Baveno 23 - Torino

ore 20 cena solidale con la lotta dei sans paiers presso CSOA Gabrio v Revello,3 - Torino    Iniziativa sans papiers

Sawt El Amel

Ricevuto dal sindacato palestinese Sawt El Amel. sotto una traduzione approssimativa e qui il testo originale. da Sawt El Amel

Grande vittoria per Sawt El Amel e Partner
2 giorni fa i Centri Piano Wisconsin finalmente chiuso i battenti a Nazareth
La decisione di fermare il piano di Wisconsin è stata presa il 30 di aprile dopo una lotta lunga e difficile, che è iniziata nel luglio 2005 dopo la decisione di attuare il piano d'Wisconsin a Nazareth e altre località vicine a Israele.
Come risultato di questa lotta e per la realizzazione enorme di Sawt El Amel, altre organizzazioni e con l'aiuto di deputati della Knesset, attraverso azioni legali e le attività da organizzare soprattutto Sawt El Amel, la sofferenza dei lavoratori disoccupati e altri, che divennero i partecipanti il Piano Wisconsin, è finalmente terminato.
Non dimenticheremo mai il sostegno che abbiamo ricevuto dai nostri amici e militanti nei sindacati in Belgio, Francia, Italia, Regno Unito e altri paesi, che ha dato Sawt El Amel la forza di sfida e continuare la lotta per fermare il piano di Wisconsin, sia attraverso il sostegno finanziario e la solidarietà.
Infine, due giorni fa i centri di Piano Wisconsin sono stati chiusi completamente e nello spirito di questo grande risultato Sawt El Amel inviare cordiali saluti a tutte le persone che ci hanno dato il sostegno e la solidarietà per fermare questo piano.
A nome di tutti i lavoratori, inviamo a tutti voi la felicità e gratitudine per la vostra solidarietà e sostegno.
Vogliamo mantenere la solidarietà e il contatto con voi, per la lotta successivo per il prossimo futura.
Si prega di visitare il nostro sito per ulteriori informazioni sul Piano di Wisconsin e Sawt El Amel:
http://www.laborers-voice.org/

Palestina 31 maggio 2010

TERRORISMO DI STATO

31 MAGGIO: LE FORZE ARMATE DI ISRAELE ATTACCANO IL CONVOGLIO INTERNAZIONALE DI AIUTI UMANITARI CHE PORTAVA AIUTI PER LA POPOLAZIONE DELLA STRISCIA DI GAZA. ALMENO 19 MORTI E UN NUMERO IMPRECISATO DI FERITI E DISPERSI. Palestina 31.05.10

Palestina: il lavoro sotto occupazione

* Intervista di Silvia Tagliabue al sindacalista palestinese. link: http://www.youtube.com/watch?v=RaYKisQHCfs

Mi chiamo Wehbi Badarni, sono il segretario di Sawt el-Amel, che significa La Voce del Lavoratore. Si tratta di un sindacato attivo tra i lavoratori palestinesi che vivono nella palestina storica del '48, l'attuale Israele. Lobiettivo di questo sindacato è quindi quello di organizzare i lavoratori palestinesi in quest'area, lottare per i loro diritti e fornire loro assistenza legale.
A partire dagli accordi di Oslo, la situazione della classe lavoratrice in Palestina è notevolmente peggiorata. E anche dopo la seconda Intifada, quando Israele ha chiuso la Cisgiordania e la Striscia di Gaza, la maggior parte dei palestinesi è diventata ancora più povera. Di fatto non c'é lavoro e quando c'è, non vi è nessun referente cui rivolgersi per far valere i propri diritti.
Per quanto riguarda invece i Palestinesi che vivono in Israele, molte aziende private o statali impediscono l'accesso al lavoro alla manodopera araba: per esempio, i palestinesi non possono lavorare nelle compagnie dell'elettricità, nelle aziende telefoniche, negli aeroporti, nei porti, perchè secondo Israele si tratta di luoghi protetti da segreto di Stato. Inoltre molti datori di lavoro assumono personale solo dopo che ha svolto il servizio militare e come si sa, i palestinesi che vivono in Israele sono esclusi dal servizio militare nell'esercito israeliano.
I lavoratori di Gaza e della Cisgiordania hanno salari molto bassi, 3-4 dollari al giorno, perchè l'economia è paralizzata. Sono costretti ad accettare questa situazione di sfruttamento perchè con il muro e il blocco israeliano non solo non c'è lavoro, ma non c'è neppure la possibilità di muoversi per andare a cercarlo altrove. Israele controlla completamente la vita economica dei palestinesi che risiedono in Israele e ha un controllo totale sulla striscia di Gaza e in Cisgiordania non solo per quanto riguarda l'economia, ma anche nell'accesso alle risorse a cominciare dall'acqua.
Esiste un sistema di discriminazione contro i Palestinesi che sono rimasti nella loro terra, che risale alla fondazione dello Stato di Israele, nel 48. Gli israeliani hanno sviluppato lindustria e leconomia per se stessi, escludendo i cittadini arabi. Vi faccio un esempio di questa discriminazione. Nellaprile del 2009, lazienda delle ferrovie Israeliane ha deciso di licenziare tutti i lavoratori arabo palestinesi, sebbene cittadini di Israele, dicendo che chi non aveva prestato servizio militare nellesercito israeliano non poteva lavorare nelle ferrovie dello stato. E così sono stati lasciati a casa dalloggi al domani 120 lavoratori palestinesi. Noi abbiamo iniziato una lotta e abbiamo intrapreso anche unazione legale per tutelarli. In questo momento stiamo ancora attendendo lesito del Tribunale del Lavoro.
Vi faccio un altro esempio: il proprietario di un albergo israeliano, nel quale prestavano servizio molti lavoratori palestinesi provenienti dai villaggi arabi di Israele, aveva chiesto al direttore del personale di fare in modo che i lavoratori non parlassero tra loro in arabo, perché questo dava fastidio a lui e alla clientela. Di fronte ad un rifiuto, il padrone ha licenziato tutti i lavoratori. Noi abbiamo organizzato una serie di manifestazioni davanti allalbergo e dopo una settimana il proprietario ha fatto marcia indietro e li ha riassunti tutti. Quindi, quando parlo di sistema di discriminazione non intendo episodi sporadici, ma di una situazione costante.
Il sindacato ufficiale, la Histadrut, è parte integrante della politica israeliana.
Già prima della fondazione dello Stato di Israele, ancora sotto il mandato britannico, la Histadrut ha fatto di tutto per spezzare il movimento sindacale palestinese. Il punto è che la Histadrut non ha mai fatto nulla per difendere i diritti e gli interessi dei lavoratori palestinesi. Nel 1976, quando il governo israeliano intraprese una massiccia confisca della terra dei contadini palestinesi che vivevano nella zona intorno a Nazareth, la Histadrut distribuì un volantino che diceva che se un lavoratore arabo avesse preso parte alle proteste e allo sciopero generale contro la confisca delle terre non sarebbe stato difeso da eventuali ritorsioni dei padroni. E questo lo affermava quello che dovrebbe essere il sindacato di tutti i lavoratori che stanno in Israele! Questo è accaduto di nuovo nel 2000, durante la seconda Intifada, quando i lavoratori palestinesi dIsraele parteciparono agli scioperi generali in solidarietà alla sollevazione nei territori occupati. La Histadrut non fece nulla per proteggerli dalla repressione e dai licenziamenti attuati dai padroni in accordo con l'autorità israeliana. *tratto da cubvideo

Altri articoli...

  1. Dalla Grecia

Cassa di Resistenza

  • Sostieni le lotte - Diffondi la solidarietà

E' a partire dal 2008 che nell'intero settore della logistica si è sviluppato e radicato un ampio movimento di lotte autorganizzate che ha coinvolto centinaia di lavoratori e lavoratrici dei principali siti distribuiti sul territorio nazionale. 

Read More

Eventi

Agosto 2017
D L M M G V S
30 31 1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31 1 2
16/06/2017 - Sgombero del picchetto allo sciopero SDA Genova

16/06/2017 - Sgombero del picchetto allo sciopero

340 sec. Visite: 102
Data: 22 06 2017
Youtube
FINO ALLA VITTORIA - Trailer - Le lotte dei lavoratori nella macellazione carni!

FINO ALLA VITTORIA - Trailer - Le

120 sec. Visite: 1218
Data: 13 04 2017
Youtube
28/03/2017 - Su La Gabbia la lotta dei lavoratori Safim!

28/03/2017 - Su "La Gabbia" la lotta

324 sec. Visite: 396
Data: 31 03 2017
Youtube
16/03/2017 - Alcar Uno: manganellate, calci e pugni sui lavoratori in picchetto

16/03/2017 - Alcar Uno: manganellate, calci e

446 sec. Visite: 796
Data: 16 03 2017
Youtube