melfi fiat

L'offensiva padronale che in questi anni ha portato alla distruzione delle tutele e delle conquiste operaie non si ferma neanche di fronte a quei principi elementari di civiltà che la stessa "democrazia" borghese nella sua ipocrisia ha sempre definito "diritti inalienabili della persona".

 

E' il caso, clamoroso, delle operaie Fiat Sata di Melfi, a cui Marchionne ha imposto pantaloni da lavoro rigorosamente bianchi che ledono la dignità delle lavoratrici e il loro sacrosanto diritto a vivere con riservatezza i propri cicli biologici.

A seguito della legittima protesta di circa 500 operaie che hanno firmato una petizione per ottenere un pantalone di colore scuro, la risposta della Fiat, disponibile a "concedere" solo una mutanda di plastica, appare in maniera evidente come un'arrogante ed intollerabile provocazione.

 

Ma quello di Melfi è un caso tuttaltro che isolato: ricatti, umiliazioni e violazione della privacy rappresentano oramai la regola sui luoghi di lavoro, e ciò a seguito di leggi antioperaie come il Jobs Act di Renzi che legittimano le forma più estreme di arbitrio e di strapotere dei padroni sui lavoratori e ancor più sulle lavoratrici: uno strapotere che, solo per fare un esempio, ha portato in questi mesi alla Yoox di Bologna al licenziamento di decine di operaie aderenti al SI-Cobas, colpevoli di aver denunciato numerosi casi di molestie sessuali ad opera dei dirigenti di magazzino.

 

Fin quando consentiremo ai padroni di ridurci a mera merce da utilizzare e consumare dove, come e quando vogliono per poi buttarci come una buccia di limone spremuta una volta che non siamo più utili ai loro superprofitti, episodi come quelli di Melfi continueranno a rappresentare la regola.
L'episodio clamoroso delle tute di lavoro non è altro che la punta dell'iceberg nel sistema di lavoro schiavistico imposto in Fiat da Marchionne e che va estendendosi sempre più a tutte le fabbriche, fatto di ritmi massacranti, turni assurdi in cui vengono imposti i sabati e le domeniche lavorative, e negazione delle più elemetari libertà personali e sindacali.

 

Un sistema che opprime tutti gli operai indipendentemente dal sesso, dall'età o dal colore della pelle, ma che può essere fermato con l'unica arma davvero efficace nelle mani dei lavoratori: lo sciopero e il blocco della produzione.

Ben venga dunque le raccolta di firme, perchè essa rappresenta a Melfi la prima occasione in cui le operaie riprendono la parola dopo anni di sottomissione all'arroganza e allo schiavismo imposto dalla Fiat.

 

Come operaie ed operai del SI Cobas siamo convintamente al fianco di questa battaglia e sosterremo tutte le iniziative di lotta che verranno messe in campo dalle operaie, a Melfi e nell'intero gruppo Fiat.

 

19/10/2015

 

SI Cobas nazionale

Cassa di Resistenza

  • Sostieni le lotte - Diffondi la solidarietà

E' a partire dal 2008 che nell'intero settore della logistica si è sviluppato e radicato un ampio movimento di lotte autorganizzate che ha coinvolto centinaia di lavoratori e lavoratrici dei principali siti distribuiti sul territorio nazionale. 

Read More

Eventi

Luglio 2017
D L M M G V S
25 26 27 28 29 30 1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31 1 2 3 4 5
FINO ALLA VITTORIA - Trailer - Le lotte dei lavoratori nella macellazione carni!

FINO ALLA VITTORIA - Trailer - Le

120 sec. Visite: 1194
Data: 13 04 2017
Youtube
28/03/2017 - Su La Gabbia la lotta dei lavoratori Safim!

28/03/2017 - Su "La Gabbia" la lotta

324 sec. Visite: 367
Data: 31 03 2017
Youtube
16/03/2017 - Alcar Uno: manganellate, calci e pugni sui lavoratori in picchetto

16/03/2017 - Alcar Uno: manganellate, calci e

446 sec. Visite: 729
Data: 16 03 2017
Youtube
10/02/2017 - Nuove cariche sugli operai in lotta all’Alcar Uno (gruppo Levoni)

10/02/2017 - Nuove cariche sugli operai in

2880 sec. Visite: 350
Data: 10 02 2017
Youtube