Pubblico Impiego

1304 firme

Regione LombardiaSono già più di 1304 le firme raccolte per mantenere inalterato il valore del buono pasto.
E per riaprire immediatamente il tavolo di trattativa !!!

La ragione e' semplice, il taglio al ticket comporterebbe una riduzione inaccettabile del salario di lavoratrici e lavoratori.

Che la regione garantisca lo stesso risparmio  "atteso" nella spending review con il taglio dei ticket, operando su altri capitoli, tagliando sprechi e privilegi, non il salario delle/dei dipendenti !!! Sappiamo che può farlo.

Non e' questo il momento di rincorrere verso il basso il male minore!
Dobbiamo dare un chiaro segnale di all'attacco ai livelli retributivi del pubblico impiego!

I tempi sono ristretti: abbiamo dunque consegnato alcune ore fa queste prime 1304 firme, al presidente della giunta regionale

... La raccolta di firme prosegue, altre iniziative sono in preparazione.

Le delegate e i delegati rsu
S.i. Cobas – USB-P.I.

Censimento posizione contributiva

Regione LombardiaDiverse/i colleghe/i ci hanno contattato in merito alla comunicazione dell'amministrazione avente a oggetto “A tutti i colleghi assunti dal 1996” con la quale si chiedevano dati relativi alla carriera lavorativa precedente all'assunzione in Regione, giustificandola con la necessità di “censire la posizione contributiva”.

Temendo che ci potesse essere stata una perdita accidentale dei dati contributivi del personale interessato, abbiamo rivolto la richiesta formale all'amministrazione di chiarirci le motivazioni di tale iniziativa.

Nella risposta ricevuta il 3 ottobre scorso, la richiesta di dati è motivata come necessaria all'avvio del fondo Perseo.

Si tratta del fondo di previdenza integrativa dei dipendenti degli Enti locali e della Sanità. Istituito nel 2007*, dopo una lunga incubazione, è stato autorizzato dalla Covip** solo il 22 novembre 2011.

Come per tutti i fondi integrativi, la proposta consiste nel rinunciare al Tfr e al suo rendimento fisso e garantito dallo Stato e avventurarsi nel mercato finanziario. Ciò comporta:

   - variabilità e aleatorietà dei rendimenti, legata all'andamento dei mercati finanziari. Il calcolo del rendimento medio andrebbe fatto nel lungo periodo, e nessuno dei fondi permette una tale valutazione. Se ci si limita alla tendenza, si può notare che il rendimento nel 2011 è stato in generale pari a zero***. Questo a fronte di una rivalutazione del Tfr del 3,5%;
    - entità dei costi: a fronte di rendimenti nulli o negativi, i costi di ingresso e gestione sono elevati. A maggior ragione per i fondi in partenza, quale il Perseo: i costi (i guadagni dei gestori e delle banche) vengono in questo caso suddivisi fra pochissimi aderenti. Nel caso di Perseo, i costi non sono ancora stati determinati;
    - rottura del concetto di solidarietà: è il punto più critico dei fondi pensione. Con il risparmio individuale per la pensione si rompe il patto tra gli individui che appartengono a una società. È il “ si salvi chi può”, un modello che non potrà che generare altre disuguaglianze e nuove povertà, visto che le pensioni pubbliche saranno ridotte ad assegni minimi****. E' questa la strada scelta dai governi (di centro-destra-sinistra) per "convincere" i lavoratori ad aderire: tagli alle pensioni, tassazione del Tfr e detassazione dei fondi.

Viste le caratteristiche dei fondi, ci si potrebbe stupire che abbiano fra i loro maggiori fautori i sindacati confederali (CGIL-CISL-UIL), UGL e alcuni autonomi, che infatti hanno firmato un accordo in tal senso anche in Regione Lombardia nel 2009.

L'eventuale stupore passerà guardando i componenti del consiglio d'amministrazione di Perseo (e degli altri fondi negoziali): metà di loro sono sindacalisti delle sigle sopra citate*****.

Ora, che banche e società finanziarie si facciano in quattro per convincere i lavoratori a "giocare in borsa " la loro vecchiaia fa parte delle regole del mercato capitalista.

Che lo facciano anche Cgil-Cisl-Uil e altri sindacati fa schifo.

Vi terremo informati sugli sviluppi.

Delegate e delegati RSU

SI Cobas - USB P.I.


*   Accordo 14.05.2007
** L'autorità di controllo sui fondi previdenziali
*** Fonte Il Sole 24 ore 20.01.2012
**** Pierre Carniti
***** http://www.fondoperseo.it/pagine/chi-siamo/organi-fondo

Buoni pasto

Regione LombardiaCare/i colleghe/i, come avete appena letto dal comunicato di Camisasca, l'amminstrazione ha deciso di rompere la trattativa sindacale avviata, faticosamente, da qualche mese sulla eventuale riduzione a 7 euro dei buoni pasto.

La decisione della amministrazione è chiara: dal prossimo mese ci taglierà  i ticket, portandoli a 7 euro al giorno, senza buoni suppletivi.

Questo significa una perdita media di 450 euro all'anno per ognuno dei dipendenti.

E un risparmio di 1,3 milioni di euro per l'amministrazione (presi dalle nostre tasche).

Se e quando verrà, la "compensazione" consisterà solo in convenzioni con i ristoratori dei dintorni. I nostri soldi dati a privati e spendibili solo per il pranzo presso di loro.

NON ACCETTIAMO NESSUNA RIDUZIONE DEL VALORE DEI TICKET!

Questo furto richiede una risposta immediata!

Come primo passo, oggi alle 13.30 un gruppo di delegati RSU del SI Cobas e di USB P.I. si recherà a parlare con Camisasca (stanza VE.07.22, piano 7 ala verde): invitiamo lavoratrici e lavoratori e gli altri delegati RSU a partecipare, consigliandovi di timbrare ed entrare come visitatori.

E' ORA DI MUOVERCI!
SE NON LO FACCIAMO ORA, IL PROSSIMO PASSO SARANNO LE DIMINUZIONI DI ORGANICO UNILATERALI!

2 ottobre 2012
S.I. Cobas Regione Lombardia - USB

Spending review = tagli alla pubblica amministrazione

sciopero pubblico impiego e tagliNei primi giorni di agosto il governo Monti, con il consenso politico dell'ampio schieramento che lo sostiene, ha approvato un devastante decreto di revisione della spesa pubblica.
Non intendiamo schierarci a difesa della conservazione di alcune province, la maggior parte delle quali nate per ragioni connesse al clientelismo politico.
La nostra ferma opposizione è contro una manovra che riduce ulteriormente lo stato sociale con l'intento di reperire le risorse necessarie al disperato tentativo di salvataggio del sistema finanziario italiano, in un paese il cui apparato industriale è in fuga, come l'entità delle delocalizzazioni dimostra.
I provvedimenti del governo in carica, sostenuti dalla fastidiosa retorica delle cosiddette ricette per salvare il paese, deprimono ulteriormente le condizioni di vita di chi lavora, già messe a dura prova dall'ingresso nell'Euro e dai pessimi rinnovi contrattuali degli ultimi 20 anni.
In realtà si ripropone la solita filosofia : i sacrifici deve farli chi è abituato: i lavoratori e le classi più povere della società!

Nello specifico del provvedimento, riteniamo devastanti i tagli agli organici della pubblica amministrazione (in questi anni già ridotti al lumicino dal blocco del turn-over), che aprono la strada alla mobilità coatta e ai licenziamenti collettivi e che si tradurranno in tagli ai servizi per i cittadini.
Prendiamo l'importante comparto della sanità dove finiscono il 70% circa delle risorse regionali :
Ridurre anche di 1 infermiere le dotazioni organiche degli ospedali è una follia che comprometterebbe ulteriormente la qualità del livello assistenziale con conseguenze facilmente immaginabili.
Nelle strutture sanitarie negli ultimi anni è cresciuto in modo esponenziale il numero di dirigenti medici, determinando un rapporto inammissibile tra il numero dei medici e quello degli infermieri. A questo si aggiunga la prassi consolidata del doppio primariato (università /ospedale).
Altra piaga causata dal clientelismo è la nomina di un numero spropositato di dirigenti delle professioni sanitarie.
Quello che è necessario ridurre in modo drastico nella P.A. è il clientelismo politico e sindacale che ha costi spaventosi.
Potremmo rinunciare tranquillamente al 30% della dirigenza, ma è intollerabile ridurre il numero del personale sanitario attivo (infermieri, tecnici, fisioterapisti, etc.) già sottoposto a turni stressanti a causa dell'insufficienza della dotazione organica.
È necessario che cresca rapidamente la consapevolezza dei lavoratori sia pubblici che privati che il sistema politico del capitale è giunto al capolinea e che le sue ricette per superare la crisi non impediranno la catastrofe ma avranno il solo effetto di cancellare con un colpo di spugna tutte le conquiste degli ultimi 40 anni riducendo i lavoratori a schiavi salariati.

Sindacato Intercategoriale Cobas

Cassa di Resistenza

  • Sostieni le lotte - Diffondi la solidarietà

E' a partire dal 2008 che nell'intero settore della logistica si è sviluppato e radicato un ampio movimento di lotte autorganizzate che ha coinvolto centinaia di lavoratori e lavoratrici dei principali siti distribuiti sul territorio nazionale. 

Read More

Eventi

Marzo 2017
D L M M G V S
26 27 28 1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31 1
16/03/2017 - Alcar Uno: manganellate, calci e pugni sui lavoratori in picchetto

16/03/2017 - Alcar Uno: manganellate, calci e

446 sec. Visite: 256
Data: 16 03 2017
Youtube
10/02/2017 - Nuove cariche sugli operai in lotta all’Alcar Uno (gruppo Levoni)

10/02/2017 - Nuove cariche sugli operai in

2880 sec. Visite: 247
Data: 10 02 2017
Youtube
02/04/2017 - Modena: una grande giornata di lotta!

02/04/2017 - Modena: una grande giornata di

182 sec. Visite: 323
Data: 05 02 2017
Youtube
04/02/2017 - Intervento lavoratore Alcar Uno (Levoni)

04/02/2017 - Intervento lavoratore Alcar Uno (Levoni)

78 sec. Visite: 195
Data: 05 02 2017
Youtube