Cobas

[VERSO IL 12N] Tutti a Roma il 12N contro sfruttamento e razzismo!

Pubblichiamo di seguito il volantino in distribuzione in tutti i posti di lavoro e sui territori, in preparazione della manifestazione del 12 Novembre a Roma (evento FB) , dove braccianti di Foggia e Rosarno, facchini della logistica, lavoratori italiani e immigrati, realtà politiche e sociali solidali sfileranno in corteo per dire no a sfruttamento e razzismo, portando le rivendicazioni dei braccianti dai territori dove sta crescendo un esemplare percorso di autorganizzazione, fino al Ministero dell’Interno.

QUI IL VOLANTINO IN PDF

PER IL DIRITTO DI TUTTE LE LAVORATRICI E I LAVORATORI IMMIGRATI AL PERMESSO DI SOGGIORNO, ALLA RESIDENZA, ALLA CASA, CONTRO OGNI FORMA DI SFRUTTAMENTO SUI LUOGHI DI LAVORO. CONTRO LE POLITICHE CHE CONTROLLANO LA MOBILITA’ E PRODUCONO SFRUTTAMENTO E SEGREGAZIONE

Il prossimo 12 novembre il SI Cobas ha organizzato, assieme al Comitato Lavoratori delle campagne e ad altre realtà, una manifestazione a Roma. Andremo in corteo fino al Ministero dell’interno per sostenere la lotta dei braccianti di Foggia e Rosarno, in gran parte immigrati, che da anni si ribellano contro le condizioni di lavoro nelle campagne, dove spesso si lavora sotto il sole fino a 12 ore al giorno pagati a 3-4 euro l’ora, senza alcun diritto e senza contratto. Alla gran parte di questi lavoratori viene negato permesso di soggiorno e la residenza, e sono costretti a vivere in campi di lavoro (ghetti) abbandonati e fatiscenti e si trovano quindi sotto il continuo ricatto dei padroni e dei poteri criminali.

LA LOTTA DI QUESTI LAVORATORI E’ LA STESSA DI QUELLA DEI FACCHINI, PERCHE’ E’ LA GRANDE DISTRIBUZIONE CHE CONTROLLA TUTTA LA FILIERA AGROALIMENTARE, DAI CAMPI AI MAGAZZINI FINO AI MERCATI GENERALI E AI SUPERMERCATI. I PADRONI E LO STATO RICATTANO TUTTI I LAVORATORI, SUL LAVORO E CON LE LEGGI.

PER QUESTO DOBBIAMO ESSERE UNITI, CONTRO IL RAZZISMO CHE DIVIDE I LAVORATORI ITALIANI DA QUELLI IMMIGRATI PER PERMETTERE AI PADRONI DI SFRUTTARCI ANCORA PIÙ DURAMENTE.

PER QUESTO COME SI COBAS DOBBIAMO DARE IL MASSIMO SOSTEGNO A QUESTA BATTAGLIA.

IL 12 SAREMO IN PIAZZA ASSIEME AI NOSTRI FRATELLI DI CLASSE DELLE CAMPAGNE, E CHIEDEREMO DI ESSERE RICEVUTI IN DELEGAZIONE AL MINISTERO DELL’INTERNO PER FAR VALERE LE NOSTRE RIVENDICAZIONI:

regolarizzazione per tutti i lavoratori privi del permesso di soggiorno

– abolizione dei campi di lavoro di qualsiasi natura (ghetti, tendopoli, campi container)

– accesso alla residenza per tutti e tutte

– stop alle deportazioni interne e internazionali

– apertura dei canali di ingresso e transito e libertà di circolazione

 

SOLO LA LOTTA PAGA! TOCCANO UNO, TOCCANO TUTTI!

SABATO 12 NOVEMBRE, ORE 14,00

CORTEO DA PIAZZA DI PORTA SAN GIOVANNI (ROMA)

 

SI COBAS NAZIONALE