Nella foto (di Eric Blanc):
gli insegnanti della West Virginia, i conducenti di autobus scolastici,
i custodi e lavoratori delle mense
hanno tenuto chiuse le scuole per 13 giorni,
dicendo no agli aumenti dei contributi assicurativi e ai bassi stipendi.





Nello stato USA della West Virginia si è svolta tra la fine di febbraio e l’inizio di marzo una lotta sindacale degli insegnanti, con uno sciopero di 13 giorni, al termine dei quali gli sciperanti hanno ottenuto un aumento retributivo del 5% e sventato un aumento dei contributi per la sanità.

È significativo che il movimento sia partito da uno degli stati più poveri, e con una forte tradizione di lotte sindacali - quelle dei minatori - che negli anni ’20 condussero vere e proprie battaglie militari (che culminarono con la Battaglia di Blair Mountain, combattuta da 10 mila minatori armati contro tremila poliziotti e sgherri della compagnia mineraria, che terminò solo con l’intervento dell’esercito federale). 
 
I minatori di carbone della West Virginia fecero importanti scioperi ancora a fine anni ’70 (160 mila in sciopero), che si conclusero con il grande sciopero del 1978, durato 111 giorni, sostanzialmente per garantire la libertà di sciopero, anche “selvaggio”.

Durante la lotta avvennero anche duri scontri con polizia e guardie al servizio delle compagnie minerarie, centinaia di arresti dei partecipanti ai picchetti, costituiti anche da mille lavoratori per bloccare il carbone nelle miniere non sindacalizzate.

Una mediazione del Presidente Carter venne bocciata dai minatori (che più volte sconfessarono anche il presidente del loro sindacato).

Lo sciopero si concluse con un compromesso che salvava la libertà di sciopero, ma tagliava l’assistenza sanitaria.

È significativo che gli insegnanti in sciopero - illegale nella West Virginia - indossavano bandane rosse, come i ribelli del 1921 nelle stesse contee.

La lotta non ha tuttavia visto grossi scontri perché i sovrintendenti scolastici sostanzialmente appoggiavano lo sciopero, o comunque perché la sua repressione era impraticabile: durante lo sciopero hanno chiuso le scuole, e gli insegnanti recupereranno i giorni persi a fine anno scolastico.

La mobilitazione degli insegnanti si è estesa a diversi altri stati, in particolare Oklahoma, Kentucky e Arizona, a partire dal basso, con la costituzione di gruppi Facebook che arrivavano in pochi giorni a decine di migliaia d'iscritti.

Tra le forme di lotta anche il “sick out”, il darsi malati per non incorrere nelle dure sanzioni contro i dipendenti pubblici che abbandonano il posto di lavoro.

Molto interessanti le considerazioni di Joe Burns su sciopero legale / illegale: è questione di unità della classe, di rapporti di forza e non di leggi.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Note della redazione di Labor Notes sull'articolo "Opzione West Virginia", di Joe Burns

Gli insegnanti della West Virginia hanno dichiarato vittoria con un aumento del 5% e sono tornati nelle loro aule oggi.

La loro organizzazione e il loro sciopero di 13 giorni non solo hanno costretto i legislatori ad aumentare i loro stipendi; hanno fatto indietreggiare i "riformatori" dell'istruzione legati alle imprese su una serie di altre questioni: le "charter school" (ndr: vedi a fondo pagina la nota °A di approfondimento), un disegno di legge contro l'anzianità e la non deduzione delle quote sindacali dagli stipendi.

I sindacati degli insegnanti dicono di aver visto grandi incrementi degli iscritti.

Per quanto riguarda l'assicurazione sanitaria, domani il governatore annuncerà i membri di una task force incaricata di elaborare un piano di stabilità finanziaria a lungo termine per il fondo statale che copre i dipendenti pubblici.

Gli attivisti prevedono di far pressione sui membri della task force in seguito.

Anche prima dello sciopero, i sindacati avevano spinto con successo il governatore a cancellare il suo piano per aumentare drasticamente i contributi degli insegnanti e iscriverli a un programma invasivo di "benessere".

I contributi sono ora congelati per 16 mesi.

E gli scioperanti non perderanno la paga per i giorni persi, perché i sovrintendenti scolastici simpatizzanti hanno chiuso le scuole.

I giorni persi saranno recuperati più tardi, come lo sono i giorni di neve.

Sebbene i rancorosi leader del Senato dello stato abbiano minacciato tagli al Medicaid per pagare l'aumento dei dipendenti pubblici (il 5% va a tutti, non solo agli insegnanti), il governatore repubblicano Jim Justice ha detto che Medicaid non sarà toccato e che qualsiasi taglio dovrebbe venire da altre voci del bilancio.

Il movimento degli insegnanti si sta estendendo.

Oggi il presidente dell'Oklahoma Education Association ha pubblicato su Facebook:

"I nostri membri sono pronti ad agire ora. E così, stiamo accelerando la nostra strategia ... stiamo mettendo in guardia i nostri legislatori.
Devono lavorare rapidamente per seguire la legge e passare un budget per l'istruzione entro l'1 aprile.
Se tale budget non include un significativo aumento di stipendio per insegnanti e professionisti di sostegno e ulteriori finanziamenti per ripristinare i tagli alle aule dell'Oklahoma, l'OEA proclama la chiusura delle scuole in tutto lo stato a partire dal 2 aprile. "

Oggi gli insegnanti dell'Arizona si vestono di rosso a scuola per protestare contro i bassi stipendi dello stato.

Gli insegnanti hanno spontaneamente organizzato la campagna #RedForEd - che ha stimolato le discussioni sui social media su un possibile sciopero.

Il loro gruppo su Facebook ha 20.000 membri dopo una settimana.

Joe Burns (autore di Strike Back: Usare le tattiche militanti del movimento dei lavoratori del passato per riorganizzare oggi l'attività sindacale nel settore pubblico), racconta come in passato i sindacati del settore pubblico utilizzavano gli scioperi illegali per crescere.

Suggerisce che altri sindacati guardino alla "opzione West Virginia".

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

"Opzione West Virginia": l'articolo di Joe Burns, pubblicato su Jacobin il 7 marzo 2018 
 
Lo sciopero degli insegnanti in corso in West Virginia è notevole per molti aspetti.

Migliaia di lavoratori pubblici sono impegnati in una ribellione dal basso, sfidando le restrizioni sul loro diritto di sciopero.

Hanno costretto il governatore repubblicano dello stato a fare concessioni, perseverando nonostante un accordo annunciato dai funzionari sindacali.

Hanno ispirato altri lavoratori a riconsiderare l'azione militante, sia nel West Virginia che al di fuori dello stato.

Tutto ciò avviene a proposito in un momento in cui le forze anti-sindacali stanno cercando di tornare indietro sui diritti di contrattazione collettiva.

Il moderno movimento sindacale dei dipendenti pubblici è nato dalla lotta - il prodotto di una grande ondata di scioperi negli anni '60 e '70.

Lo sciopero del personale scolastico nel West Virginia rappresenta un ritorno a quei giorni militanti.

Militanza: presente e passato

Gli scioperi degli insegnanti sono illegali in West Virginia.

La legge statale non prevede la contrattazione collettiva e i dipendenti pubblici non hanno alcun diritto legalmente riconosciuto di attuare interruzioni del lavoro.

Eppure succede che la legalità passa in secondo piano quando i lavoratori si organizzano in massa.

Durante il momento culminante degli scioperi del settore pubblico degli anni '60 e '70 - quando milioni di lavoratori pubblici furono coinvolti nelle interruzioni del lavoro - gli attivisti sindacali avevano uno slogan: "Non esiste lo sciopero illegale, solo lo sciopero perdente".

I legislatori potrebbero imporre sanzioni draconiane, i tribunali potrebbero emettere ingiunzioni e i media del grande capitale potrebbero lanciare i loro strali senza fine.

Ma se lo sciopero era forte, se la causa era giusta, e se il sostegno della comunità era solido, raramente venivano imposte pene severe.

Non è sempre stato così.

Ancora negli anni '50, i sindacati dei dipendenti pubblici esistevano a malapena.

Quelli che c'erano rappresentavano solo una parte della forza lavoro del settore pubblico e non erano riconosciuti dai datori di lavoro come rappresentanti dei lavoratori.

Con una forza ridotta, vennero lasciati a chiedere l'elemosina.

Questo cominciò a cambiare nel 1960, quando gli insegnanti di New York entrarono in sciopero.

Nei due decenni successivi, i lavoratori pubblici di tutto il paese seguirono il loro esempio.

La messa fuori legge degli scioperi non fu efficace per scoraggiare i lavoratori pubblici.

Le interruzioni del lavoro si sono verificate più frequentemente negli stati con divieti di contrattazione collettiva e sciopero.

Senza un processo ordinato per la contrattazione, i lavoratori non avevano altra scelta che colpire illegalmente per ottenere le loro richieste.

Di fronte a tale intransigenza, i responsabili delle politiche si sono arresi e hanno iniziato a riconoscere i sindacati del settore pubblico.

Stiamo assistendo a un processo simile in West Virginia: dopo anni di lamentele represse, gli insegnanti hanno pensato che non c'era altra scelta se non quella di colpire.

Avevano poco da perdere e molto da guadagnare a infrangere la legge dello stato.

Questo non vuol dire che i lavoratori possano sempre, ovunque, semplicemente ignorare la legge e non tener conto di eventuali ripercussioni legali.

I controllori del traffico aereo in sciopero hanno scoperto nel 1981 che le tattiche di successo negli anni precedenti non funzionavano perché il terreno si era spostato sotto i loro piedi.

Ma gli scioperanti della West Virginia sembrano in una buona posizione.

Godono di un forte sostegno pubblico.

Non vi è alcuna indicazione che l'azione repressiva possa far sparire la vertenza.

E infine, e di particolare importanza: il loro sciopero è enorme.

Anziché colpire un distretto scolastico o una contea, gli insegnanti hanno deciso di chiudere le scuole in tutte le cinquantacinque contee.

Dato il gran numero di insegnanti che scioperano, i politici non possono imprigionarli o punirli tutti, e non possono gestire le aule senza di loro.

Uno vecchio slogan dei minatori recitava: "Non puoi estrarre il carbone con le baionette".

Lo stesso vale per l'insegnare ai bambini.

È facile immaginare un risultato diverso se lo sciopero fosse stato lanciato su scala minore.

Gruppi di insegnanti isolati avrebbero potuto essere facilmente licenziati e sostituiti.

Confinato in poche località, l'impatto politico sarebbe stato minimo: un blip sul radar piuttosto che un evento che ha colto l'attenzione dell'intero stato.

Gli scioperi del settore pubblico degli anni '60 e '70 sono stati affascinanti, sfruttando la solidarietà e l'azione di massa per occupare le prime pagine per settimane.

Ad esempio, quando i netturbini scioperarono a Baltimora nel 1974, furono presto raggiunti sulla linea picchetto da una serie di altri dipendenti della città.

Mentre la spazzatura si ammucchiava e tutti i lavoratori comunali entravano in sciopero, la vertenza dominò le notizie in città e costrinse i politici a rispondere.

I datori di lavoro odiano la solidarietà.

Lavorano per frammentare le vertenze sul lavoro, per renderle problemi di singoli lavoratori piuttosto che collettive.

Nel caso dei dipendenti pubblici, ciò si concretizza nella messa al bando della contrattazione collettiva o, in mancanza, nel costringere i lavoratori a contrattare in piccoli gruppi.

Gli insegnanti della West Virginia hanno respinto questo schema angusto.

In tal modo, hanno dato il consiglio più potente che potevano al movimento sindacale: "go big or go home" (fa' le cose in grande, o va' a casa, lascia perdere).

A detta di tutti, lo sciopero in WV è una ribellione dal basso.

È stato organizzato da insegnanti di base, con i sindacati degli insegnanti dello stato che si affannavano per recuperare.

Questo, più di ogni altra cosa, dovrebbe dare speranza ai partigiani del lavoro.

Abbiamo avuto decenni di inattività da parte della leadership sindacale nazionale, migliaia di pagine di ciance da parte degli esperti del sindacato e poco in termini di azione.

Se il movimento operaio sta per rinascere, sarà dal basso verso l'alto.

La storia iniziale dei sindacati dei dipendenti pubblici è di nuovo istruttiva.

Entrando negli anni '60, la maggior parte dei sindacati del settore pubblico era conservatrice, debole, inefficace e ostinatamente contraria agli scioperi dei dipendenti pubblici.

La maggior parte aveva delle clausole nei loro statuti che impedivano alle sezioni di indire sciopero e credevano che il modo per ottenere dei migliloramenti fosse quello di apparire rispettabili.

I lavoratori di base si ribellarono a questo quadro.

Ignorarono i vertici sindacali nazionali, le ingiunzioni del tribunale e i media del capitale.

Hanno destituito i leader sindacali che dicevano loro di tornare al lavoro.

Sostituirono i leader dalla mente ristretta o formarono nuovi sindacati.

Con un'azione ambiziosa, hanno reso il settore pubblico un bastione del sindacalismo.

L'era di Janus

Il 27 febbraio, la Corte Suprema ha ascoltato le argomentazioni orali nel caso Janus v AFSCME, che probabilmente porterà il "diritto al lavoro" nel pubblico impiego in tutto il paese.

Janus non riguarda in realtà le quote sindacali o la rappresentanza esclusiva.

Fa parte di un attacco concertato contro l'azione sindacale dei dipendenti pubblici che cerca di annullare le conquiste ottenute oltre mezzo secolo fa.

Fa parte di un più profondo, storico attacco all'idea stessa che i lavoratori dovrebbero essere in grado di unirsi per combattere il potere delle multinazionali.

Nell'ambito di Janus, i dipendenti pubblici (e tutti i dipendenti) dovrebbero rapportarsi ai datori di lavoro come individui.

I sindacati, dove sono autorizzati a esistere, sono semplicemente raccolte di individui anziché strumenti della classe lavoratrice.

Piuttosto che accettare questo quadro disfattista, il movimento sindacale deve riabbracciare la solidarietà e la militanza, e guardare all'azione della base per spingersi fuori dal suo stato moribondo.

Chiamala "opzione West Virginia".


(Joe Burns è un veterano negoziatore sindacale e avvocato del lavoro e l'autore di Strike Back - ndr: Il ritorno dello sciopero - e Reviving the Strike - ndr: Il ritorno dello sciopero)


°A) 
[da Wikipedia]:
Le charter school […] nel sistema scolastico degli Stati Uniti, sono delle scuole, soprattutto primarie o secondarie, che godono di un particolare statuto di autonomia, legato a un sistema di finanziamento misto al quale contribuiscono fondi pubblici e privati.
Esse, infatti, oltre a donazioni private ricevono finanziamenti pubblici (inferiori rispetto a quelli delle scuole pubbliche) in cambio di un assoggettamento ad un minor numero di regole, leggi e vincoli statutari.
Pertanto, esse sono più autonome dei corrispondenti istituti pubblici e statali.
Le charter school sono considerate, in genere, migliori delle scuole pubbliche in termini di risultati scolastici.
Si possono frequentare in base alla espressione del principio della cosiddetta libera scelta nel campo dell'istruzione.
In alcuni casi, le scuole sono di proprietà di privati, come può essere il caso di hedge fund.
Le Charter schools sono un esempio di un sistema di istruzione alternativo e di privatizzazione di asset pubblici.
 

Cassa di Resistenza

  • Sostieni le lotte - Diffondi la solidarietà

E' a partire dal 2008 che nell'intero settore della logistica si è sviluppato e radicato un ampio movimento di lotte autorganizzate che ha coinvolto centinaia di lavoratori e lavoratrici dei principali siti distribuiti sul territorio nazionale. 

Read More

Eventi

Agosto 2018
D L M M G V S
29 30 31 1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31 1
[USA] L’opzione West Virginia: non esiste lo sciopero illegale, solo quello vincente

0 sec. Visite: 0
Data: 30 11 -0001
Youtube
[USA] L’opzione West Virginia: non esiste lo sciopero illegale, solo quello vincente

0 sec. Visite: 0
Data: 30 11 -0001
Youtube
[USA] L’opzione West Virginia: non esiste lo sciopero illegale, solo quello vincente

0 sec. Visite: 0
Data: 30 11 -0001
Youtube
[USA] L’opzione West Virginia: non esiste lo sciopero illegale, solo quello vincente

0 sec. Visite: 0
Data: 30 11 -0001
Youtube