Ultime3

Cobas Ikea Piacenza: LA LOTTA DEGLI OPERAI RESISTE AL MANGANELLO E ALLE MENZOGNE

ikea-piacenza-scioperi

ikea-piacenza-scioperi

A protestare davanti ai cancelli del deposito dell’IKEA di Piacenza contro la politica ed i provvedimenti antisindacali della San Martino/Confcooperative oggi non c’era un “numero limitato di soci lavoratori”, come recitava ieri il comunicato della cooperativa, ma la maggioranza di quelli operanti presso l’appalto.

 

La tesi della minoranza facinorosa, esposta dai “signori delle cooperative” cade miseramente dopo 24 ore. Si rafforza, invece, la nostra convinzione che ci fa ritenere che questa iniziativa repressiva sia deliberata ed orchestrata scientificamente per arrivare ad un licenziamento di massa per far fuori il Sindacato SI.COBAS.

 

Da qualche mese la San Martino, per mano del suo Direttore Alessandro Maffi, che nel frattempo ha assunto anche la carica di Direttore Generale della CONSICOPRA, ha intensificato le azioni disciplinari ai suoi soci pi√Ļ poveri ed ha contrattualizzato a tempo determinato decine di nuovi lavoratori, molti con contratto part-time nonostante lavorino 8 e pi√Ļ ore al giorno, addestrandoli alle varie mansione in previsione di rimpiazzare i potenziali scioperanti.

Il massiccio intervento di oggi delle forze di polizia in tenuta antisommossa e le botte elargite stamattina (con un lavoratore portato via in ambulanza) per salvaguardare “il diritto e la libert√† di lavorare” di una minoranza, di cui fanno parte anche lavoratori della cooperativa operanti in altri appalti e spostati per sostituire quelli in sciopero, ce lo rafforza.

 

Domani si prosegue, stesso copione, e così sarà nei prossimi giorni, perché siamo pronti ad una lunga battaglia. La notizia intanto ha fatto il giro del paese e la solidarietà ci è giunta da molte città e situazioni che chiedono come poterci sostenere.

 

Domani, l’assemblea operaia prender√† le sue decisioni e lancer√† un appello ed una campagna di mobilitazione e lotta per rilanciare ed estendere la solidariet√† attiva alla nostra lotta. Una lotta che √® parte integrante della battaglia di dignit√† e giustizia che il movimento degli operai della logistica ha saputo costruire in questi anni e patrimonio di tutto il movimento dei lavoratori stanchi di ricatti e soprusi.

 

Oggi ci hanno chiesto di fare un incontro con personale che non poteva decidere nulla, ci ha chiesto cosa volevamo e per dovere di cronaca lo riportiamo per farlo conoscere a chi legge:

 

1. Ritiro di tutti i provvedimenti disciplinari.

 

2. Riconoscimento formale del SI.COBAS, delle RSA ‚Äď Rappresentanze Sindacali Aziendali – ed un accordo sindacale sui seguenti punti:

 

¬∑ Applicazione delle tariffe del CCNL del 1 agosto 2013. Le cooperative stanno applicando le tariffe del 26.01.2011. Nelle nostre buste paga compare una voce “anticipo futuri aumenti/AFA” erogato in base al raggiungimento di un indice di produttivit√†. Quei soldi non devono essere legati ad indici di produttivit√†, al pari dei lavoratori IKEA che hanno il nostro stesso CCNL (contratto nazionale). Si deve porre fine al dumping contrattuale nel Deposito Ikea. A titolo esemplificativo la paga base di un 5¬į livello √® attualmente di 1385.91 mensile e di 8,2494 oraria, mentre le cooperative continuano ad applicare 1355.15 mensile e 8,06637 oraria.

 

¬∑ Istituti contrattuali di 13^, 14^ , TFR, FERIE, PERMESSI, ROL/EX-FESTIVITA’ non devono essere calcolati sulla base delle ore lavorate ma sulla base delle 168 ore mensili previste dal Contratto nazionale che specifica che per i mesi in cui il lavoratore lavora frazioni di mese superiori a 15 giorni gli istituti devono essere conferiti al 100%

 

· La copertura integrale di malattia ed infortunio, senza nessuna deroga a pretestuosi cavilli, al pari dei nostri colleghi assunti da IKEA. Le cooperative non possono parlare di mutualità quando lasciano il socio-lavoratore ammalato od infortunato senza adeguata copertura economica. Questa, per noi, è una questione di civiltà, inderogabile!

 

Domani √® un nuovo giorno … la lotta continua!

 

Sindacato Intercategoriale Cobas

Coordinamento provinciale – Piacenza 6/05/2014