Cobas

[BOLOGNA] Nicolas libero! Operaio picchiato e fermato all’interporto: e il diritto di sciopero?

AGGIORNAMENTO:

Chi tocca uno tocca tutti!

Dopo ore di violenza da parte delle forze dell’ordine all’interporto di Bologna, poco fa √® stato rilasciato Nicolas il giovanissimo operaio precario fermato mentre scioperava, pur non avendo compiuto alcuna offesa o resistenza (come testimoniato dai video del fermo che abbiamo subito diffuso pubblicamente in rete).¬†

Domattina alle 9, Nicolas dovr√† affrontare il processo per direttissima al Tribunale in via Farini 1. Data la gravit√† della situazione per quest’ennesimo episodio di repressione anti-operaia, il S.I. COBAS ha deciso di aprire lo stato di agitazione per la giornata di domani nella provincia di Bologna.

Sempre domani, dalle 9 di fronte al Tribunale bolognese si realizzerà un presidio di solidarietà per Nicolas e di protesta contro ogni limitazione della libertà di sciopero. 

Nicolas libero, la lotta di classe non si processa e non si arresta!

 
—————————————————————————————————————

Continua all’interporto bolognese la lotta dei lavoratori Logesta (divisione italiana della multinazionale spagnola della logistica), monopolista nella distribuzione dei tabacchi in appalto dallo Stato e da privati quali la multinazionale statunitense Philip Morris.


Da tre giorni, gli operai stanno scioperando contro il licenziamento di 24 persone e il generale peggioramento delle condizioni di lavoro per tutti.


Inoltre, rivendicano il pieno riconoscimento del S.I.¬†COBAS: organizzazione sindacale con cui da quattro anni l’azienda tratta e firma accordi (compreso quello del precedente cambio appalto), con l’80% del consenso tra i lavoratori dentro il magazzino.

La sub-appaltante Elpe (il cui rappresentante occupa un’importante posizione anche in Confetra) non vuole applicare correttamente l’articolo 42 del Ccnl Logistica Trasporto Merci e Spedizione; intanto, da Bolgona la merce viene spostata a Tortona per esser lavorata da operai contrattualizzati con il pi√Ļ economico Ccnl Pulizia e Multi-servizi.

Dopo tre giorni di sciopero, dai cancelli della Logesta la polizia e i carabinieri stanno intervenendo in gran quantità e aggressivamente (mobilitati agenti fin da Padova).

I lavoratori in lotta prima sono stati sgomberati in malo modo; ora una ventina di loro risulta accerchiata ma… un’altra resiste!

In solidariet√† ai compagni in sciopero, alla lotta si sono uniti gli operai di altri magazzini dell’interporto: da Camst a Gsi, da Susa a tanti altri…

Uniti si vince, fino alla vittoria!

Vedi anche: 

Рil momento della carica e del fermo: 

https://www.facebook.com/sicobas.lavoratoriautorganizzati.9/videos/778703955661637/

Рle ragioni e la determinazione degli operai in sciopero: 

https://www.facebook.com/monzoor.alam.3/videos/1896842887034417/

Рla solidarietà dei lavoratori Ups, unitesi agli operai in picchetto dai cancelli: 

https://www.facebook.com/monzoor.alam.3/videos/1895123283873044/

– l’inizio dello sciopero, ier quando gli operai dai cancelli hanno iniziato a bloccare i camions con le merci:¬†

https://www.facebook.com/baklou.kaka/videos/2254009714614480/

Рarticolo: 

[BOLOGNA] Sciopero all’interporto: indietro non si torna!