Approfondimenti politiciCobasInternazionale

[CONTRIBUTO] Lotte operaie in India nella pandemia

Lotte operaie in India nella pandemia

Pubblichiamo la traduzione di un articolo di maggio di Gautam Mody, segretario generale del sindacato indiano New Trade Union Initiative (Nuova Iniziativa Sindacale), per la partecipazione alla giornata di lotta unitaria tenutasi il 22 maggio, perch√© costituisce una chiara denuncia della politica borghese e antioperaia del Governo del BJP di Narenda Modi a fronte della pandemia ‚Äď che si sta ulteriormente diffondendo in queste settimane in India ‚Äď e pone chiare rivendicazioni di classe.

S.I. Cobas


Il 22 maggio sarà una giornata per far avanzare la lotta

Di Gautam Mody La severit√† e la durezza dell’ormai lungo blocco di due mesi imposto dal governo per il coronavirus, √® implacabile ed √® sotto gli occhi di tutti.

Eppure, la classe capitalista indiana ha deciso che non √® abbastanza autosufficiente per sostenere la sua parte di responsabilit√†, e ha chiesto al suo partito al governo, il Bharatiya Janata Party (BJP), di far ricadere l’onere sulla classe operaia del Paese.

La richiesta che la popolazione di questo Paese sia autosufficiente, fatta dal parte del Primo Ministro, in un momento in cui migliaia di lavoratori migranti stanno camminando per centinaia di chilometri per raggiungere le loro case, è dolorosamente crudele.

Governo dei capitalisti per i capitalisti

In seguito a ci√≤, il governo del BJP al centro ha scritto ai governi statali per modificare le loro leggi in modo da ridurre al minimo l’onere per l’industria.

I governi del Gujarat, del Madhya Pradesh e dell’Uttar Pradesh lo hanno fatto rapidamente.

Il governo del Gujarat ha offerto a tutti i nuovi investitori la libert√† da tutte le leggi sul lavoro per 1200 giorni, ad eccezione del Minimum Wages Act e del Workmen’s Compensation Act (le leggi sui minimi salariali e sui salari). Il governo del Madhya Pradesh ha effettivamente sospeso tutte le leggi sul lavoro per gli stabilimenti che impiegano meno di 300 lavoratori.

Il governo dell’Uttar Pradesh ha cercato di introdurre un’ordinanza che sospenda tutte le leggi sul lavoro per tutti i tipi di stabilimenti, ad eccezione della legge sulla retribuzione dei lavoratori, della legge sui lavoratori edili, della clausola 5 della legge sul pagamento dei salari (periodo di pagamento del salario) e pu√≤ darsi della legge sulle indennit√† di maternit√† e della legge sul lavoro minorile per un periodo di tre anni.

Questi tre stati, insieme allo stato di Assam, Haryana, Himachal Pradesh Karnataka e Tripura, hanno anche aumentato la durata ammessa di un turno di lavoro da 8 ore al giorno a 12 ore al giorno, con la promessa del Bihar di fare altrettanto.

Anche i governi del Maharashtra, del Punjab e del Rajasthan hanno aumentato il turno a dodici ore con due disposizioni aggiuntive che prevedono che le 4 ore di lavoro supplementari saranno pagate il doppio e l’ordine √® valido per tre mesi. L’aumento della giornata lavorativa riporta indietro i 150 anni di lotta per le 8 ore, che costituiscono in realt√† la Convenzione n. 1 dell’OIL che l’India ha ratificato nel 1921.

Il BJP ha attivamente incoraggiato la “riforma” del diritto del lavoro da quando √® arrivato al governo nel 2014 attraverso i suoi governi statali e ha l’accelerata dopo le elezioni generali del 2019 con i quattro Codici del lavoro.

Tre di questi – il Codice sulla sicurezza sul lavoro, la salute e le condizioni di lavoro, il Codice sulla sicurezza sociale e il Codice delle relazioni industriali – sono ancora all’esame del Parlamento.

Il Codice sui salari approvato nel 2019 introduce gi√† un salario minimo che crea la possibilit√† di un salario inferiore al salario minimo vigente, minando l’esistenza stessa del salario minimo.

Gli altri tre pongono di fatto barriere al diritto di associazione e al diritto di contrattazione collettiva insieme a tutti i diritti dei lavoratori associati.

Con questo programma, sia il capitale che il governo pensano che sia meglio fare pressione sui governi statali.

Lockdown: Un nuovo approccio per schiacciare i lavoratori e i sindacati
Il BJP capisce chiaramente di cosa ha bisogno il capitale, o ci prova.

Mentre estendeva il blocco alla quarta fase, il governo dell’Unione revocava il proprio ordine del 29 marzo 2020, consentendo di fatto ai datori di lavoro di essere liberi di non pagare i salari e di ridurre il personale come desiderano a partire dal 18 maggio.

Ci√≤ in risposta alla petizione presentata dai datori di lavoro alla Corte Suprema che ha contestato l’ordinanza del 29 marzo.

Il governo non ha ancora presentato una solida difesa, mentre la Corte si esercita nelle frasi ambivalenti.

La realt√† √® che, ad eccezione di una minuscola minoranza di datori di lavoro che hanno ritenuto necessario attuare l’ordinanza del 29 marzo, n√© il governo federale n√© alcun governo statale, indipendentemente dal partito di appartenenza, hanno fatto alcuno sforzo per garantire che i salari fossero pagati e che i posti di lavoro fossero mantenuti in tutto il paese.

La crisi pi√Ļ visibile della classe operaia √® quella dei lavoratori migranti non residenti che √® stata precipitata da un governo indifferente che ha ordinato un blocco senza preavviso ed √® stata promossa da una classe capitalista meschina, di mentalit√† piccola e accattona, che non solo non ha voluto pagare i salari per il mese di marzo, ma forse in molti casi non ha pagato i salari neanche per i mesi precedenti.

Se il governo limitava la libera circolazione delle persone, la classe capitalista promuoveva la libertà di questo Paese di marciare verso la fame.

Un pacchetto fiscale per promuovere il debito Il BJP si è reso conto che la crisi economica che ha scatenato da quando è arrivato al governo nel 2014, con il lockdown è ormai fuori controllo.

La classe capitalista nazionale non ha investito negli ultimi sei anni e non lo farà ora. Se deve attirare investimenti esteri, che è la sua unica speranza, allora deve sembrare fiscalmente prudente e non fare concessioni fiscali per mantenere il rating del Paese.

Attraverso le cinque tranche del “pacchetto” della scorsa settimana il governo della BJP ha promesso di privatizzare l’intero settore pubblico, deregolamentare i settori chiave insieme a una serie di prestiti che le banche del settore pubblico erogheranno senza garanzie reali.

Tutto questo per√≤ richiederebbe un po’ di tempo per funzionare e alcuni anni per generare profitti.

Il BJP era consapevole di dover offrire di pi√Ļ per rendere il tutto attraente per il capitale. L’unico “fattore di produzione” che la BJP ritiene di poter controllare √® il lavoro. Il BJP non ha lasciato dubbi al riguardo quando il suo governo in Karnataka ha chiesto espressamente al governo federale di fermare i treni che
riportavano a casa i lavoratori non residenti: i lavoratori sono in effetti un mero “fattore di produzione” per il BJP, che si muover√† e sar√† mosso a piacimento del capitale.

All’inizio della quarta fase del lockdown non pianificato, il piano per “testare, rintracciare, isolare e sostenere” deve ancora essere messo in atto.

Il piano per aumentare le strutture mediche non è ancora stato attuato.

I servizi medici del settore privato, che costituiscono quasi l’80 per cento della nostra assistenza sanitaria, hanno per lo pi√Ļ chiuso i battenti.

Il settore pubblico rimane sottofinanziato, sottoutilizzato e non protetto.

La battaglia per salvare le persone colpite dalla pandemia è sulle spalle del personale medico e sanitario pubblico sottopagato e sovraccarico di lavoro.

La responsabilit√† di mantenere le nostre citt√† e i nostri paesi puliti e il resto di noi liberi dal virus spetta a decine di milioni di nostri compagni che sono karmacharis safai, lavoratori ASHA e Anganwadi e ANMs (1) che in gran numero sono lavoratori interinali o a “onorario”.

Anche gli altri sono costretti a tornare al lavoro in condizioni di insicurezza, in modo da avere cibo a casa e poter mandare i figli a scuola.

Come in tutti gli altri tempi nessuno ha contribuito all’economia come la classe operaia.

E nessuno √® stato esposto alla mancanza di sicurezza e all’insicurezza come la classe operaia.

L’attacco alla classe operaia non √® mai stato cos√¨ forte.

Mai è stata maggiore la necessità di un fronte unito della classe operaia.

La Nuova Iniziativa Sindacale ha sempre sostenuto la lotta unitaria del movimento operaio e sempre lo farà.

Faremo la nostra parte nel portare avanti la mobilitazione unitaria del 22 maggio 2020 delle centrali sindacali, escluso il Bharatiya Mazdoor Sangh (2) , perché sappiamo che i lavoratori uniti non possono essere sconfitti.

PAGARE IL SALARIO PIENO A TUTTI I LAVORATORI PER IL LOCKDOWN!

BLOCCARE I LICENZIAMENTI DURANTE IL LOCKDOWN!

PRESIDENTE DELL’INDIA:
ANNULLA LE ORDINANZE PER LA MODIFICA DEL DIRITTO DEL LAVORO!

GOVERNO DELL’INDIA:
NO ALLA GIORNATA DI 12 ORE – COMBATTEREMO, VINCEREMO!
FORNIRE POSTI DI LAVORO, NON PRESTITI!
ESPANDERE IL MNREGA (3) – 150 GIORNI DI LAVORO PER TUTTE LE PERSONEADULTE!

L’AUTOCERTIFICAZIONE UCCIDE – LA NOSTRA SICUREZZA √ą UNA VOSTRA
RESPONSABILITÀ!

CONSENTIRE LA LIBERA CIRCOLAZIONE DELLE PERSONE!

I LAVORATORI UNITI NON POSSONO ESSERE SCONFITTI!

  1. Caste addette alla pulizia stradale, raccolta degli escrementi, ecc.
  2. Sindacato collegato con il BJP, il partito nazionalista ind√Ļ al governo.
  3. MNREGA: Mahatma Gandhi National Rural Employment Guarantee Act del 2005, legge che cerca di garantire un minimo di 100 giornate lavorative e un minimo salariale ai proletari delle campagne.