Ultime3

Ottavo giorno di sciopero alla Dielle di Cassina de Pecchi

diellepolizia

diellepolizia

Dopo la giornata di sabato passata a sostenere le campagne di boicottaggio di Ikea e Carrefour e una domenica di festa davanti ai cancelli, con amici e famiglie degli operai in sciopero, alle 3,30 di notte cominciano ad arrivare i blindati di polizia e carabinieri. Dopo 2 ore se ne conteranno ben nove. Alle 8 saranno 13: 150 uomini armati a circondare 60 operai del SI.Cobas in sciopero.

 

Le poche parole scambiate coi funzionari di polizia lasciano intendere il senso di un’operazione militare spropositata: la ripresa dell’attivit√† dell’azienda. Oltre ai camion che trasportano i rifiuti plastico, l’intenzione pare evidente che sia quella di far entrare i crumiri di una presunta nuova cooperativa entrante, deputata a sostituire la dimissionaria “Fast Service”

 

Col passare del tempo, l’inevitabile effetto schiacciante di un tale dispiegamento che d√† la sveglia al picchetto, lascia il posto alla consapevolezza che l’azienda non pu√≤ sostituire in blocco i 60 scioperanti, non solo perch√© non √® facile trovare gente disposta a lavorare in quelle condizioni, ma anche per la professionalit√† e le competenze tecniche (assolutamente disconosciuta dal contratto capestro e dequalificante imposto agli operai) che si acquisiscono solo con il tempo; un tempo che la Dielle, dopo 8 giorni di blocco, non ha pi√Ļ.
Il nocciolo della lotta emerge in decine di capannelli: è la forza dello sciopero che non possono travolgere!

 

La convinzione cresce ancor di pi√Ļ di fronte al bilancio concreto del bottino portato a casa dai padroni e dalle loro guardie private (quelle dello stato) che consiste in 6 camion di plastica in ingresso, 14 persone al lavoro: 4 familiari dei proprietari e 10 ignavi crumiri (di cui 8 esterni alla fabbrica) entrati sotto la protezione della polizia, mentre l’impianto che trasforma i rifiuti plastici in materia prima (venduta in Slovenia e in Cina, oltre che in tutta Italia) resta fermo per l’ottavo giorno consecutivo.

Mentre il picchetto incassa la solidarietà di alcune RSU della zona, la polizia, forse cosciente che un tale dispiegamento non è riproponibile ogni giorno, si prodiga nel tentare di ricucire le condizioni per la ripresa della trattativa coi padroni.

 

Alla fine, le forze dell’ordine abbandonano il terreno di una battaglia che non si √® ancora consumata, e viene fissato un incontro per domani (27/05/2014) alle ore 11 che potrebbe segnare la ripresa della trattativa.
Resistere un minuto in pi√Ļ del padrone resta slogan e contenuto della lotta. L’unit√† dello sciopero fa il resto. E con domani siamo a 9 giorni, mentre nuove idee si fanno strada per andare oltre i confini della “fabbrica degli orrori”.