Approfondimenti politiciCobasLiguriaLogistica

[GENOVA] Non siamo carne da macello! Presidio dal magazzino Brt: subito tamponi per tutti i lavoratori, la salute prima del profitto

Oggi saremo, a partire dalle 17, davanti ai cancelli della Brt, a ribadire che salute e sicurezza dei lavoratori contano pi√Ļ dei loro profitti!

A fronte di un caso positivo al covid e 15 lavoratori in quarantena preventiva, ancora non sono stati eseguiti i tamponi all’intero personale, unica maniera per avere il quadro sanitario reale in magazzino, tutelare la salute di tutti e fare vera opera di prevenzione.

Invece la Brt tace, trincerandosi dietro l’apparente applicazione dei protocolli e negando un confronto col sindacato.

E la ASL che fa?

Mette in quarantena preventiva 15 lavoratori, su un organico di diverse centinaia di lavoratori che quotidianamente entrano in magazzino, utilizzano gli stessi mezzi e movimentano gli stessi pacchi?

Solo poche settimane fa un caso positivo di un giocatore di pallanuoto della nazionale, aveva indotto (giustamente!) all’effettuazione di tamponi a tutti i giocatori della squadra, anche senza prove di contatto diretto col caso positivo.

Perché lo stesso trattamento non dovrebbe essere riservato ai lavoratori BRT?

Forse la vita degli operai vale meno? Forse la BRT non vuole rischiare di mettere in pericolo la produzione, con l’emergere di nuovi casi certificati?

Forse garantire il diritto alla salute ai lavoratori é una spesa superflua?

Oggi saremo in volantinaggio davanti allo stabilimento per ribadire con forza che non siamo carne da macello sacrificabile sull’altare dei loro profitti e per rivendicare con forza assieme ai lavoratori TAMPONI PER TUTTO IL PERSONALE DEL CANTIERE!

Ci si vede davanti ai cancelli!

S.I. Cobas Genova

Qui sotto, l’evento internet dell’iniziativa dei compagni di Genova:

https://facebook.com/events/s/non-siamo-carne-da-macello-pre/288565549042318/?ti=as