CobasLogisticaUncategorized

[ITALIA] Fermi i lavoratori della logistica per Adil, ucciso dal profitto. Come lo sciopero, anche la solidarietà è un’arma

In tutti i magazzini di Piacenza e provincia sono in corso fermi dei magazzini per ricordare Adil!

Nella foto Geodis di Castel San Giovanni, ma sono tantissime le manifestazioni di solidarietà in corso i questo momento.

E sabato tutti a Novara per gridare la nostra rabbia!

Ecco un momento della commemorazione per Adil dei lavoratori Le Roy Merlin di Castel San Giovanni:

https://www.facebook.com/adel.ghitalyhussein/videos/3080145248880091

S.I. Cobas Piacenza


ONORE al compagno ADIL

Oggi in tutti Italia, da nord a sud, scioperi in solidarietà e in ricordo di Adil, coordinatore provinciale di Novara del Si Cobas travolto e ucciso da un camionista durante un picchetto.

È ora di aprire una grande stagione di Sciopero generale Puntare ad allargare il perimetro della preparazione dello sciopero generale molto al di là del settore logistica e trasporti.

Oltre a coinvolgere la più vasta area possibile del sindacalismo “di base”, l’organizzazione di questo sciopero dovrà raggiungere i tanti/e iscritti ai sindacati confederali sconcertati e scontenti per la politica di subordinazione ai padroni e al governo di Cgil-Cisl-Uil, e i tantissimi/e giovani senza sindacato, precari, disoccupati.

Continueremo a lottare come faceva Adil per un mondo senza più sfruttati ne’ sfruttatori.

S.I. Cobas Milano


Grandissima partecipazione dei magazzini di tutto il paese allo sciopero di 4 ore proclamato a livello nazionale dal S.I. Cobas, per dare un segnale esteso ed unitario nel nome di Adil e per il diritto di sciopero.

Sda, Brt, Gls, Tnt/fedex, Aia, oggi grande partecipazione dei magazzini di Roma e del Lazio allo sciopero di 4 ore proclamato a livello nazionale per dare un segnale forte ed unitario nel nome di Adil.

L’assassinio, perché di questo si tratta, del compagno del coordinamento di Novara, non può e non deve passare come un semplice omicidio stradale, ma per ciò che realmente è, ovvero nient’altro che l’apice di una strategia padronale che sempre più spesso vede scagliare crumiri e gente pagata appositamente contro i lavoratori in lotta, mettendo a rischio di fatto lo stesso diritto di sciopero.

Dopo la grandissima manifestazione di sabato a Roma, questo è un altro segnale che, a livello nazionale, lavoratrici e lavoratori del Si cobas oggi stanno dando con la piena volontà di difendere a spada tratta il diritto di lottare, lo sciopero, il picchetto!

Sabato alle 15 a Novara, in piazza della stazione, ricorderemo con una iniziativa nazionale il nostro compagno e invitiamo tutte le realtà, movimenti e organizzazioni alla partecipazione.

ALLA LOTTA, CON ADIL NEL CUORE!

S.I. Cobas Roma


http://sicobas.org/2021/06/24/italia-il-26-6-manifestazione-a-novara-per-adil-le-nostre-vite-valgono-piu-dei-loro-profitti/