Alimentaristi

[MODENA] Salumificio Bellentani: prima vittoria dei lavoratori!

Modena, salumificio Bellentani, vittoria per i lavoratori autorganizzati Si.Cobas dopo una serie di scioperi partiti agli inizi di settembre 2016 volti a¬†denunciare irregolarit√† nell’appalto gestito dalla Cooperativa Nuova Fantasia su incarico del salumificio Bellentani caratterizzato dai¬†soprusi e vessazioni da parte di preposti, dalla mancata garanzia¬†delle 168 ore mensili lavorate e dal mancato riconoscimento dei livelli di anzianit√† e di mansione.

Una situazione degenerata nell’ultimo periodo nella cessione di un ramo d’azienda senza che il sindacato intercategoriale cobas rappresentante dei lavoratori ne venisse informato come da accordi contrattuali¬† previsti, a cui i lavoratori hanno risposto con forza per impedire¬† licenziamenti arbitrari ,la perdita degli istituti contrattuali maturati¬† e di finire nelle mani di una cooperativa che , come tante altre, ¬†sfuttava, pagava salari da fame, imponeva ritmi elevati, e non versava i contributi gabbando le stesse leggi borghesi con la complicit√† degli organismi statali, sindacati confederali. Un sistema che si e’ determinato nella regione “rossa” governata dal Pci, oggi Pd.

Rompendo questa situazione i lavoratori, guidati dal proprio sindacato hanno saputo resistere alla repressione, non allentando lo scontro, mantenendo le fila compatte, opponendo le proprie rivendicazioni. Il 28/12/2016 √® stato firmato un accordo decisivo¬† tra Si.Cobas Consorzio Seaman e cooperativa subentrante Dictum (che verr√† successivamente nel mese di gennaio 2017 approfondito e migliorato il risultato attuale acquisendo il ticket come indennita’ sostitutiva mensa e premio di produzione), in cui la stessa si impegna:

  • ad assumere in forza tutto il personale ( 120 persone) mantenendo tutti rapporti di lavoro a tempo pieno e indeterminato nella stessa sede lavorativa;
  • ad applicare il contratto dovuto: CCNL Industria Alimentare;
  • a mantenere tutti gli istituti contrattuali economici e normativi¬† previsti (con l’introduzione anche degli scatti di anzianit√† fino ad ora non riconosciuti);
  • a pagare malattia e infortunio al 100%;
  • a riconoscere a ogni dipendente il giusto livello di inquadramento, coerente con le mansioni svolte;
  • ad adeguarsi alle norme in materia di sicurezza salute e igiene sui luoghi di lavoro;
  • a riconoscere il ruolo dei lavoratori nell’organizzazione dell’attivita’ e del Sindacato Intercategoriale Cobas come rappresentante degli stessi
L’unione dei lavoratori, il loro coraggio e determinazione hanno permesso di raggiungere questo importante traguardo. SOLO LA LOTTA PAGA!
 
Coordinamento provinciale del SI Cobas di Modena