CampaniaCobasLogisticaMetalmeccanici

[FCA] Non accettiamo l’ipocrita solidarietà della Fiom di Pomigliano (NA): non permettiamo a nessuno di speculare sulla morte di Adil

NON ACCETTIAMO L’IPOCRITA SOLIDARIETÀ DELLA FIOM DI POMIGLIANO, NON PERMETTIAMO A NESSUNO DI SPECULARE SULLA MORTE DI ADIL.

Noi non facciamo la lotta tra i poveri, noi sappiamo chi è il nostro nemico e lo affrontiamo a viso scoperto e a testa alta, non facciamo gli scioperi di facciata.

Se ci stiamo sbagliando avremo modo di chiedere scusa, ma conosciamo bene la burocrazia della Fiom e di quale pasta sono fatti.

Così come riteniamo che solo l’unione della classe operaia, a prescindere dall’appartenenza sindacale, possa liberarci dalla schiavitù padronale, ringraziamo tutti gli operai che in questi giorni stanno scioperando per Adil ma non ci presteremo mai all’oppprtunismo delle burocrazie.

La Rsa Fiom di Pomigliano lancia uno sciopero nelle stesse ore proclamate dal Si Cobas Pomigliano.

Lo fa per le stesse nostre ragioni ma a differenza nostra loro fanno parte di una delle organizzazioni che si è resa complice dell’omicidio di Adil e dell’aggressione agli operai FedEx.

Complici, perché la loro organizzazione sindacale ha contribuito, con un accordo sottoscritto con la TNT FedEx, senza alcuna rappresentanza in quella fabbrica, alla chiusura ed al licenziamento dei quasi trecento operai, quasi tutti iscritti al Si Cobas.

Complici, perché a causa di quella firma sono partite iniziative di lotta che hanno portato all’omicidio di Adil.

Complici, perché per anni in tutti i capannoni della logistica in cui è presente il Si Cobas hanno fatto di tutto, insieme ai padroni, per eliminare l’unico sindacato vicino alla classe operaia.

Oggi proclamano uno sciopero per Adil, lo fanno senza mai citare nel loro volantino la sigla in cui Adil militava, il Si Cobas, la stessa sigla in cui militano compagni di Pomigliano che la Rsa Fiom ha sempre considerato zero, denigrando il nostro lavoro con gli operai del Gianbattista Vico.

La Rsa della Fiom a Pomigliano oggi lancia uno sciopero per giovedì ma lo fa solo ed esclusivamente perché la morte di Adil ha fatto notizia, perché da altri stabilimenti italiani altri Rsa della Fiom hanno lanciato la stessa iniziativa.

Non lo fa perché è convinta che certi omicidi vadano contrastati in tutti i modi, altrimenti dovrebbero scioperare innanzitutto contro la loro stessa organizzazione, poiché fa parte del sistema capitalistico.

Giovedì invitiamo gli operai di Pomigliano e Nola a partecipare allo sciopero indetto a fine turno dal Si Cobas perché la morte di Adil venga vendicata e contro l’ipocrisia di chi con una mano arma il nemico e con l’altra accarezza la vittima.

SI COBAS FCA