Uncategorized

Sciopero alla ARCO Spedizioni S.p.A. di Bentivoglio (BO)

Giovedì 21/11/2013 dalle ore 23 è scattato lo sciopero alla ARCO Spedizioni S.p.A. di Bentivoglio (BO), ciò a causa di un ulteriore e rocambolesco cambio di appalto e il subentro di un nuovo fornitore la Toro Società Cooperativa che dovrebbe da lunedì 25/11/2013 occuparsi della movimentazione delle merci.
Ad ogni cambio di appalto le solite tarantelle del nuovo padrone della coperativa  che inizia a disapplicare diritti acquisiti, contrattuali e normativi.
Alle loro chiacchiere di voler stipulare contratti di lavoro conformi al CCNL trasporto merci e logistica, ci troviamo all’estorsione dei nuovi padroni “di chi non firma il nuovo contratto va fuori non ci frega niente del Cobas …” credendo di voler stipulare contratti di lavoro con i nostri iscritti che nel cantiere sono la maggioranza assoluta, senza alcuna comunicazione finanche della ARCO Spedizioni S.p.A. al S.I. Cobas come previsto dal CCNL, proponendo singolarmente ad ogni lavoratore contratto di lavoro a tempo determinato a 5 mesi e livello 6J di inquadramento iniziale “da nuovo assunto” lavoratori che hanno un anzianità sul cantiere di circa 7/8 anni), nel mentre i rapporti di lavoro posti in essere sono a tempo indeterminato e tutti al livello 5 e 4 di facchini qualificati e specializzati.
Questo sistema di cambio continuo del fornitore trova nella committente Arco Spedizioni S.p.A. l’artefice di un sistema di lavoro al massimo ribasso del costo del lavoro disattendendo proprie responsabilità solidali con il fornitore in merito al dover garantire la piena applicazione ai lavoratori dei parametri economici e normativi previsti dal CCNL e da legge.
Se pensano di trovare il burro sul cantiere troveranno l’acciaio dei lavoratori indomiti a non tollerare più queste nefandezze e questo vale per la Arco Spedizioni S.p.A. e per la nuova Toro Società Cooperativa.
Tutt’ora lo sciopero continua con la totale adesione di tutti i lavoratori e il blocco dell’entrata e uscita delle merci, fino a che non sia ristabilito e garantito il mantenimento di tutti i livelli occupazionali, le stesse condizioni contrattuali e normative, contratti di lavoro a tempo pieno e tempo indeterminato, senza periodo di prova e senza soluzione di continuità mantenedo cioè l’anzianità di servizio attraverso un accordo sindacale con chi rappresenta i lavoratori.
Poi discuteremo del resto …
Bologna, 22/11/2013
Sindacato Intercategoriale Cobas