Approfondimenti politiciCobasImmigrazioneInternazionaleLogisticaToscana

[ITALIA] Prato: scontri a causa della violenza di Stato contro gli operai Superlativa in sciopero

Ieri, a Prato, la polizia ha ripetutamente caricato e violentemente strattonato gli operai S.I. Cobas in sciopero alla tintoria e stamperia Superlativa, in protesta per chiedere la regolarizzazione dei contratti in una situazione di lavoro a nero 12 ore al giorno 7 giorni su 7.

Durante lo sciopero degli operai tintori, gli operai facchini della Gls in pausa hanno raggiunto il picchetto dei compagni che già da ore lottavano con determinazione e coraggio da Superlativa.

Organizzazione operaia, sciopero dai cancelli e solidariet√† nella lotta: questo vuol dire essere un sindacato DEI lavoratori e PER i lavoratori, capace di usare le pi√Ļ storiche e potenti armi del movimento operaio!

Non solo a Superlativa ma in tutto il settore tessile pratese ormai da mesi √® iniziata la lotta dei lavoratori per liberarsi dello sfruttamento e dell’oppressione padronale: questa volta sono stati gli operai della tintoria-stamperia Superlativa aver organizzato lo sciopero ma come per gli altri scioperi nelle tintorie in lotta Fada e Tintogroup o nella fabbrica Gruccia Creations, lo Stato si √® chierato dalla parte del padrone e ha violentemente attaccato i lavoratori in lotta.

Gli operai Superlativa hanno dovuto scioperare passando all’azione, dopo ben due controlli in cui sono stati “scoperti” una condizione di lavoro a nero schiavistica: perci√≤ non hanno avuto e non hanno paura della repressione di Stato, la loro lotta √® la lotta di tutti i lavoratori e va avanti!

Come all’Italpizza di Modena e alla Finiper di Soresina nel cremonese, di fronte ai lavoratori in sciopero per cambiare una situazione di illegalit√† insostenibile e conclamata quale unica concreta soluzione per migliorare le loro condizioni di lavoro e di vita, le forze dell’ordine continuano ad attaccare gli operai in sciopero sebbene chiedano solo e semplicimente i contratti, il salario e i diritti che spettano loro!